INTERVENTI EMIGRATI MARCHIGIANI

INTERVENTI EMIGRATI MARCHIGIANI (L.R. 39/97; D.G.R. 3/8/20)   (emigra01)

Soggetti interessati:

Servizio Regionale Sviluppo e Valorizzazione delle Marche (Servizio)

Emigrati marchigiani per origine e residenza, loro famiglie e discendenti che:

1)       abbiano maturato periodo di permanenza all’estero per motivi di lavoro di almeno 3 anni

2)       siano rientrati nelle Marche da meno di 3 anni, salvo caso di rientro dovuto “a causa di infortunio, malattia professionale gravemente invalidante, o per il verificarsi di eventi socio-politici tali da determinare pregiudizio o pericolo per loro permanenza in tali Paesi”.

Iter procedurale:

Giunta Regionale predispone entro il 31 Ottobre (Approvazione da parte di Assemblea Regionale entro il 31 Dicembre) il programma triennale di emigrazione ed approva entro il 30 Novembre il piano annuale, previo parere del Comitato esecutivo e della competente Commissione consiliare. Programma per anno 2020 è stato approvato con DGR 1181 del 3/8/2020 e comprende le seguenti misure:

Misura 1.1. funzionamento del Comitato esecutivo del Consiglio dei marchigiani all’estero e partecipazione di almeno un suo membro alla Giornata delle Marche.

Associazioni e Federazioni di appartenenza dei membri partecipanti al Comitato ed alla Giornata inviano richiesta di contributo (Modello riportato su BUR 75/20) entro il 30/9/2020, allegando dichiarazione sostitutiva di notorietà attestante impegno a presentare i documenti di spesa, ai fini del controllo

Misura 1.2 organizzazione del convegno “Prospettive dell’associazionismo dei marchigiani all’estero”, coinvolgendo anche Associazioni e Federazioni iscritte ad Albo ma non rappresentate nel Comitato esecutivo del Consiglio dei marchigiani all’estero nell’intento di far consocere maggiormente la realtà delle Associazioni dei marchigiani all’estero. Domanda ((Modello riportato su BUR 75/20) inviata da Associazione di appartenenza del membro che parteciperà al convegno

Misura 1.3 aggiornamento del Centro di documentazione per l’emigrazione marchigiana e promozione del Museo dell’emigrazione marchigiana nel mondo, costituito presso Villa Colleredo Mels di Recanati, coinvolgendo: Associazioni/Federazioni di marchigiani all’estero; scuole di ogni ordine e grado della Regione; archivi e biblioteche dei Comuni marchigiani; cittadini impegnati a fare interviste ad emigrati e raccogliere materiale documentario e iconografico. A tal fine Comune di Recanati invia al Servizio progetto entro 30/9/2020 e rendiconto delle spese sostenute entro 31/12/2020

Misura 1.4 Iniziative volte a sostenere la creazione ed avvio di nuove Associazioni e Federazioni all’estero e Club Amici delle Marche, con presentazione di istanza di contributo (Modello pubblicato su BUR 75/20) via e-mail (marchigiani.nelmondo@regionae.marche.it) al Servizio entro il 31/10/2020, allegando:

1)       modulistica di iscrizione all’Albo delle nuove Associazioni (reperibile presso sito www.lemarchenelmondo.info);

2)       copia dei documenti di spesa (fatture, ricevute fiscali) e di pagamento (bonifici, assegni, esrtratti conto) relativi alla costituzione di Associazione sostenute a partire dal 1/1/2019;

3)       copia del documento di riconoscimento in corso di validità del legale rappresentante

Misura 1.5 gestione del sito web dei marchigiani all’estero (comprendente attività di redazione, produzione dei contenuti e caricamento delle news e del documento nel sito internet), nonché gestione e promozione del profilo social facebook, nell’intento di far conoscere sempre più nel mondo la rete delle Associazioni e Federazioni dei marchigiani all’estero

Misura 2.1 sovvenzioni alle Associazioni e Federazioni iscritte all’Albo regionale per organizzazione di iniziative ed attività culturali volte a:

–          promuovere e valorizzare Regione Marche (priorità ad eventi connessi con celebrazioni del V Centenario della morte di Raffaello);

–          conservare e tutelare tra i marchigiani nel mondo il valore dell’identità del Paese di origine;

–          consolidare i rapporti culturali con le Marche;

–          assicurare tutela dei diritti civili e sociali a favore dei marchigiani emigrati o rimpatriati;

–          organizzare da parte di Associazioni/Federazioni corsi di formazione per favorire mantenimento e diffusione di lingua italiana nei Paesi di emigrazione

In particolare nel 2020 veranno sostenute:

1)       attività volte a valorizzare rapporti economici con il territorio di origine ed i principali mercati del Paese estero;

2)       eventi di presentazione e promozione di: prodotti agroalimentari e dell’artigianato artistico marchigiano; celebrazioni di festività e ricorrenze (quali: Giornata delle Marche; anniversari della costituzione di Associazioni/Federazioni; commemorazioni);

3)       eventi culturali ed artistici di rilevante interesse per la Regione, volti a valorizzarne il patrimonio culturale (prioritariamente figura di Raffaello Sanzio) e turistico (turismo di arte e cultura; turismo naturalistico e del benessere; turismo di studio; turismo legato ai prodotti agroalimentari), comprese iniziative legate a: promozione del Museo dell’emigrazione marchigiana; rappresentazioni musicali, cinematografiche e teatrali; mostre;

4)       iniziative, da attuare in collaborazione con le Amministrazioni locali, Istituti di cultura, Associazioni culturali giovanili dei Paesi di appartenenza, volte a coinvolgere e valorizzare le giovani generazioni (quali: “Notti bianche”; serate a tema con musica, cortometraggi, videoclip, grafica, moda, danza, manifestazioni sportive, teatrali, cineforum, con riferimenti alle eccellenze marchigiane);

5)       corsi di lingua italiana destinati a tutta la comunità, con priorità per figli o discendenti di emigrati marchigiani di età compresa tra 13 e 35 anni.

Associazioni e Federazioni di emigrati iscritte all’Albo regionale operanti a favore di emigrati marchigiani, loro famiglie e discendenti possono presentare domanda (Modello pubblicato su BUR 75/20) entro il 30/9/2020 al Servizio tramite PEC (regione.marche.serviziosvm@emarche.it) o fax (071-8062318), allegando:

1)       programma di iniziativa (luogo, data, modalità di svolgimento, partner organizzativi, tipologia di utenza a cui manifestazione è rivolta);

2)       elenco dettagliato delle spese (in Euro);

3)       dichiarazione sostitutiva di notorietà;

4)       dichiarazione di conformità all’originale a firma del Presidente di Associazione con elenco dei documenti allegati;

5)       documento di identità in corso di validità del legale rappresentante.

Servizio si riserva di pubblicare sul proprio sito le proposte di progetti ed iniziative culturali pervenute da Associazioni ritenute di maggiore rilievo

Dirigente del Servizio dispone con decreto la concessione del contributo e provvede alla sua liquidazione in un’unica soluzione a saldo, a seguito dell’invio tramite e-mail (marchigiani.nelmondo@regione.marche.itentro il 31/12/2020 del rendiconto, comprendente:

1)       dichiarazione sostitutiva di notorietà (Modello pubblicato su BUR 75/20) attestante l’elenco delle iniziative realizzate con le relative spese sostenute ed entrate acquisite (sponsor, biglietti di ingresso);

2)       fatture o ricevute fiscali con i relativi documenti di pagamento (bonifici, assegni, estratti conto), anche delle spese di viaggio, vitto ed alloggio dei membri del Comitato esecutivo

Se in sede istruttoria vengono accertate irregolarità o dichiarazioni false, si provvede a revocare il contributo e recuperare le eventuali somme erogate, maggiorate degli interessi legali maturati dalla data di accredito del contributo

Misura 3.1 Comuni favoriscono il reinserimento nel territorio regionale di emigrati marchigiani (per origine o discendenza fino al 3° grado), loro familiari o discendenti, con permanenza all’estero di almeno 3 anni, nonché di cittadini rientrati definitivamente nelle Marche da non oltre 3 anni

A tal fine Comuni presentano domanda (Modello pubblicato su BUR 75/20) “a nome dei marchigiani rientrati definitivamente nelle Marche in condizioni di disagio” (in assenza di tali soggetti nessuna domanda è inoltrata) entro il 30/9/2020 al Servizio, allegando, pena esclusione dai benefici:

1)       delibera o atto del Comune attestante rientro definitivo dell’emigrato;

2)       dichiarazione del Consolato attestante il rientro definitivo dell’emigrato

3)       dichiarazione del Sindaco attestante per ogni emigrato: entità del contributo concedibile; origine marchigiana per nascita o discendenza o residenza di questo; che si trova in disagiate condizioni economiche; non ha percepito analoghi contributi da altri Enti pubblici; periodo di sua permanenza all’estero (non inferiore a 3 anni); data di suo rientro definitivo nella Regione

Concessione, impegno, liquidazione del contributo è disposta con decreto del Dirigente del Servizio, previa comunicazione scritta di approvazione del progetto, con relativo trasferimento dei fondi ai Comuni beneficiari in via anticipata

Comuni beneficiari inviano entro il 20/10/2020 documentazione delle spese sostenute o delle somme erogate per interventi realizzati. Se viene rilevata una riduzione delle spese sostenute rispetto al preventivato, o mancata realizzazione di intero programma presentato, si procede al recupero della somma non utilizzata

Nel 2020 non attuate Conferenze continentali

Se nel corso del 2020 intervengono esigenze particolari, Dirigente del Servizio, con decreto, può effettuare aggiustamenti tra le varie Misure (in particolare trasferendo risorse non utilizzate o assegnando risorse aggiuntive con priorità alle Misure 3.1, 2.1, 1.2, 1.4)

Regione si riserva la facoltà di accertare quanto dichiarato dai soggetti beneficiari dei diversi interventi, chiedendo documentazione originale.

Sanzioni:

Ogni eventuale irregolarità o difformità rilevata nella rendicontazione presentata: radiazione dall’Albo delle Associazioni/Federazioni di emigrati + recupero dei contributi erogati

Entità aiuto:

Per anno 2020 stanziati 60.000 € di cui:

  • 10.000 € per Misura 1.1 inerente al rimborso delle spese documentate (fatture, ricevute fiscali, bonifici, assegni, estratti conto) per viaggio, vitto ed alloggio per la partecipazione a: sedute del Comitato esecutivo del Consiglio dei marchigiani all’estero; Giornata delle Marche da parte di almeno 1 membro del Comitato
  • 10.000 € per Misura 1.2 per organizzazione del convegno “Prospettive dell’associazionismo dei marchigiani all’estero” con copertura delle spese sostenute dal membro dell’Associazione o Federazione iscritta ad Albo coinvolta partecipante al convegno
  • 5.000 € per Misura 1.3 inerente alla costituzione del Centro di documentazione per emigrazione marchigiana e promozione del Museo della emigrazione marchigiana nel mondo a copertura dell’attività di catalogazionedei materiali conservati nel Museo ed implementazione piattaforma di catalogazione accessibile a tutti sul sito www.museoemigrazionemarchigiana.it
  • 1.000 € per Misura 1.4 inerente alla concessione di contributi pari al 50% delle spese (v. spese notarili, spese di registrazione, imposte di bollo) sostenute dal 1/1/2019 per la creazione ed avvio di nuove Associazioni/Federazioni di marchigiani all’estero e Club Amici delle Marche fino ad un massimo di 500 €/ognuna
  • 10.000 € per gestione del sito web dei marchigiani all’estero e gestione e promozione dei profili sociali tramite affidamento del servizio ad operatore economico specializzato o concessione di contributo ad Associazioni/Federazioni
  • 17.000 € per Misura 2.1 inerente alla concessione alle Associazioni e Federazioni iscritte nell’Albo regionale di un contributo pari al 50% delle spese sostenute per organizzare manifestazioni culturali (v. affitto di teatro o di location esterne all’Associazione; stampa di inviti, locandine, manifesti e promozione di evento; cachet di artisti) fino ad un massimo di 2.000 €/evento (In caso di richieste superiori alle disponibilità finanziarie della Misura, il contributo viene ridotto in proporzione). Ammesse spese per attività ordinaria e spese generali documentate di gestione e funzionamento della sede di Associazione e Federazione fino ad un massimo di 500 €/ognuna. Escluse: spese per il personale impiegato nello svolgimento dell’attività ordinaria; spese generali di gestione e funzionamento della sede; spese per cene sociali o di rappresentanza o gadget; spese di viaggio e soggiorno di artisti ingaggiati per manifestazioni, mostre, spettacoli, eventi musicali
  • 7.000 € per Misura 3.1 inerente al reinserimento degli emigrati marchigiani nella Regione mediante concessione da parte di Comuni di contributi per emigrati in disagiate condizioni economiche e privi di altri contributi pubblici fino a 50% delle loro spese per il viaggio di rientro. Se richieste superiori a disponibilità finanziarie contributo ridotto in proporzione

Per tutte le Misure: spese non documentate o pervenute dopo il 31/12/2020 non sono ammissibili; cambio di valuta è calcolato alla data indicata nella fattura

Posted in: