PSR E SANZIONI MISURE NON A SUPERFICIE

PSR E SANZIONI MISURE NON A SUPERFICIE (D.G.R. 16/9/19; D.D.S.  12/3/21, 29/11/21)    (PSR83)

Soggetti interessati:

Servizio Politiche Agroalimentari (Servizio)

Chiunque beneficia di contributi del PSR Marche 2014/2020 per Misure non a superficie.

Iter procedurale:

Giunta Regionale, con DGR 1068 del 16/9/2019 (come modificata da ultimo da DGR 762 del 21/6/2021) e Servizio con DDS 140 del 12/3/2021 (come modificato con DDS 660 del 7/6/2021) ha individuato le tipologie di violazione e l’entità delle riduzioni od esclusioni dal contributo da applicare in caso di inadempienze rilevate nelle Misure non a superficie del PSR Marche 2014/2020.

Sanzioni:

Disposizioni trasversali applicate su tutte le Misure non a superficie del PSR Marche 2014/2020:

  • mancato rispetto delle condizioni di ammissibilità previste dai vari bandi accertate a seguito di un controllo amministrativo e in loco: revoca dell’aiuto
  • non garantita la destinazione d’uso per almeno 10 anni per gli investimenti fissi oggetto di aiuto (5 anni per gli investimenti mobili) a decorrere dalla data del decreto di pagamento del saldo, accertata a seguito di un controllo ex post amministrativo e in loco: recupero aiuto versato in proporzione al periodo per il quale impegno non è stato rispettato
  • mancata comunicazione, prima della domanda di saldo, degli adeguamenti tecnici apportati al progetto approvato per un valore superiore al 30% del contributo ammissibile a saldo, accertata a seguito di controlli amministrativi (verifica presentazione di tali documenti), in loco (verifica effettiva realizzazione degli investimenti) ed ex post con riduzione aiuto pari a: 3%; 100% se le modifiche introdotte determinano uscita della domanda da quelle finanziabili o compromettono la funzionalità/finalità del progetto
  • mancata comunicazione, nei termini previsti dal bando, delle varianti apportate al progetto approvato, accertata a seguito di controlli amministrativi (verifica presentazione di tali documenti), in loco (verifica realizzazione degli investimenti) ed ex post con riduzione aiuto pari a: 3% se la variante è presentata in ritardo rispetto ai termini previsti dal bando (se questo determina un ritardo anche nella presentazione della domanda di saldo superiore a 15 giorni, si aggiunge la sanzione prevista per questa inadempienza); 10% in caso di mancata presentazione della variante per investimenti immateriali; 20% in caso di mancata presentazione della variante per investimenti materiali; 100% se la variante determina uscita della domanda da quelle finanziabili o compromette la funzionalità/finalità del progetto
  • non fornita adeguata pubblicità al finanziamento pubblico UE per investimenti materiali, accertata a seguito di controlli in loco durante l’esecuzione del progetto (verifica assenza di poster o di targa informativa o di sito web, in cui descritta operazione e evidenziato sostegno finanziario UE) con riduzione aiuto pari a: 3% se l’installazione del poster/cartello o pubblicità nel sito web avviene entro 11-29 giorni successivi alla comunicazione dell’infrazione (se avviene entro 10 giorni, nessuna sanzione applicata); 5% se avviene entro 30-59 giorni successivi; 7% avviene oltre 60 giorni successivi (comunque prima della liquidazione della domanda di pagamento)
  • non fornita adeguata pubblicità al finanziamento pubblico UE su materiale di informazione e comunicazione per investimenti immateriali, accertata a seguito di controlli amministrativi (verifica dei documenti prodotti) con riduzione aiuto pari a: 5% se la pubblicità, pur presente, non è conforme a quella prescritta; 100% in caso di assenza di tale pubblicità
  • non fornita adeguata pubblicità al finanziamento pubblico UE per investimenti materiali entro la data di presentazione della domanda di saldo (comunque entro 3 mesi dalla loro conclusione), accertata a seguito di controlli in loco (verifica presenza in azienda della targa informativa) o ex post con riduzione aiuto pari a: 3 % se la targa informativa, pur presente, non è conforme a quella prevista ed irregolarità rilevata nel 4° – 5° anno successivo all’investimento; 5% se la targa informativa non è presente ed irregolarità rilevata nel 2° – 3° anno successivo all’investimento; 7% se la targa informativa non è presente ed irregolarità rilevata nel 1° anno successivo all’investimento; 100% in caso di mancata installazione del poster o del cartello previsto nei 60 giorni successivi alla comunicazione dell’infrazione
  • mancato rispetto del termine di invio al Servizio delle comunicazioni relative alle situazioni di causa di forza maggiore, o ritardo nella realizzazione degli investimenti e/o nell’invio della domanda di pagamento rispetto ai termini fissati nel bando accertato a seguito di un controllo amministrativo ex post (verifica data di invio dei suddetti documenti) con riduzione aiuto pari a: 3% in caso di ritardo nella comunicazione delle cause di forza maggiore o nella presentazione della domanda di pagamento;  100% se il ritardo supera di 90 giorni la scadenza fissata nel bando (comprese eventuali proroghe e tempi impiegati da Servizio/SDA per svolgimento di istruttorie come specificato in DDS 1101 del 29/11/2021)
  • mancato inserimento del conto corrente bancario/postale intestato al beneficiario nel fascicolo aziendale prima dell’invio della domanda di pagamento, accertato a seguito di un controllo amministrativo (verifica data di inserimento del conto corrente nel fascicolo aziendale) con riduzione aiuto pari a: 3% se accertato tale ritardo; 100% della spesa corrispondente se pagamento effettuato su conto corrente intestato ad un soggetto diverso dal beneficiario o non inserito nel fascicolo aziendale entro conclusione di istruttoria
  • mancato rispetto dei termini di invio al Servizio delle comunicazioni prescritte per gli investimenti immateriali (quali: cronoprogramma; calendario degli eventi), accertato a seguito di un controllo amministrativo (verifica data di invio di tali documenti) con riduzione aiuto pari a: 3% in caso di ritardo nell’invio del crono programma o del calendario degli eventi; 5% in caso di mancata comunicazione delle modifiche apportate al cronogramma o al calendario degli eventi. Per investimenti immateriali previsti per più annualità, sanzioni applicate solo in caso di ritardo riferibile ad ultima annualità rendicontata, ma non a quelle intermedie
  • mancata conservazione, a disposizione del Servizio, Commissione UE, tecnici incaricati dei controlli, dei documenti originali di spesa oggetto di contributo per 5 anni successivi alla liquidazione del saldo, accertata a seguito di controlli amministrativi ex post (verifica presenza dei suddetti documenti) con riduzione aiuto pari a: 3%, salvo caso di denuncia di smarrimento da parte di beneficiario di documenti già in possesso del Servizio
  • mancato avvio dei lavori, servizi, interventi o loro affidamento nei termini previsti dal bando (esclusa Misura 6.1), accertato a seguito di controlli amministrativi (verifica documenti attestanti avvio dei lavori) ed in loco (verifica avvio dei lavori) con riduzione aiuto pari a: 3% se lavori avviati dopo 60 giorni dal termine fissato
  • mancata indicazione nelle fatture o documenti contabili equivalenti del codice ID della domanda, Sottomisura di riferimento, dettaglio dei lavori svolti (in caso di macchine ed attrezzature: numero di telaio o matricola) accertata a seguito di controlli amministrativi (verifica documenti giustificativi e registri contabili) con riduzione aiuto pari a: 3% se documenti giustificativi di spesa non recano tali indicazioni ma queste sono presenti nel registro IVA (definitivo o provvisorio), o in altri registri contabili aziendali, o in una dichiarazione rilasciata dal fornitore; 100% della spesa relativa al documento giustificativo incompleto o se mancano i suddetti documenti integrativi

Disposizioni specifiche applicate per seguenti Misure non a superficie del PSR Marche 2014/2020, quali:

  • Misura 1.1.a formazione (anche in filiera agroalimentare, filiera corta o mercato locale, filiera per produzione di energia da biomassa forestale, accordo agroambientale di area):
  1. assenza o non regolare compilazione del registro di aula, accertata a seguito di controlli amministrativi (verifica: registro di aula) o in loco eseguiti in itinere presso sede di svolgimento azioni formative) con riduzione aiuto pari a: 3% se il registro presenta 1 irregolarità (quale: non vidimazione; cancellazione; correzione) in 1 sola pagina; 5% se il registro presenta 1 delle suddette irregolarità in 2 pagine; 10% se il registro presenta 1 delle suddette irregolarità in 3 pagine; 100% se, in due diversi controlli, si rilevano suddette irregolarità in 3 pagine
  2. mancato svolgimento dell’attività secondo il cronoprogramma comunicato, accertato a seguito dei controlli amministrativi (verifica: registro di aula) ed in loco eseguiti in itinere presso sede di svolgimento azioni formative) con riduzione aiuto pari a: 3% se le firme sul registro non corrispondono ai soggetti presenti in aula; 5% se viene rilevata l’assenza del docente all’evento formativo programmato; 100% se in 2 diversi controlli si rileva l’assenza del docente previsto al corso
  3. mancato svolgimento dell’attività formativa presso sedi autorizzate, o con attrezzature e materiale didattico diverso da quello previsto nel progetto approvato, accertato a seguito di controlli amministrativi (verifica: registro di aula) ed in loco eseguiti in itinere presso sede di svolgimento del corso con riduzione aiuto pari a: 5 % se il corso si svolge in sedi non rispondenti alle vigenti norme in materia di igiene e sicurezza; 10% se non sono presenti attrezzature, o materiale didattico, o materiale di consumo previsto nel progetto approvato; 15% se accertate 2 o più delle precedenti inadempienze; 100% se in 2 diversi controlli in itinere vengono rilevate 2 o più delle precedenti inadempienze
  4. mancato raggiungimento del numero minimo di 8 allievi per corsi di formazione, workshop, laboratori, seminari, accertato a seguito di controlli amministrativi (verifica: registro di aula) ed in loco con riduzione aiuto pari a: 100%
  5. mancato svolgimento dei corsi secondo i contenuti e le modalità previste nel progetto approvato, accertato a seguito di controlli amministrativi (verifica: numero di partecipanti al corso riportati nel registro di aula con relative assenze, al fine di consentire il rilascio a questi dell’attestato finale) con riduzione aiuto pari a: 3% se il corso avviato per almeno 8 partecipanti ha visto la partecipazione di un numero di allievi per cui autorizzato rilascio di attestato finale inferiore a 8 ma superiore a 4; 100% se numero di allievi in grado di conseguire l’attestato finale risulta inferiore a 4
  • Misura 2.1 consulenza:
  1. mancato coinvolgimento in un medesimo ambito di consulenza di almeno 20 aziende: decadenza della domanda
  2. mancato mantenimento nel progetto di consulenza di almeno 20 aziende in uno stesso ambito di consulenza accertato tramite controlli amministrativi (verifica in domanda di pagamento o variante: numero di aziende che hanno portato a termine il progetto): riduzione aiuto pari a 3% se progetto di consulenza completato da un numero di aziende compreso tra 15 e 20; 5% se completato da un numero di aziende compreso tra 10 e 15; 8% se completato da meno di 10 aziende; 100% se nessuna azienda ha completato il progetto di consulenza
  • Misura 3.1 certificazione delle produzioni di qualità:
  1. mancato mantenimento di iscrizione al sistema di controllo del regime di qualità per prodotto o categoria di prodotti indicati in domanda fino al termine di intervento, accertato a seguito di controlli amministrativi (verifica di iscrizione al regime di qualità al momento della domanda di pagamento) con riduzione di aiuto pari a: 3% del premio per annualità di riferimento se accertata iscrizione al regime di qualità per periodo inferiore a quello indicato nel progetto approvato
  2. mancato invio della domanda di aiuto su SIAR entro termini fissati dal bando (30 Agosto per SAL e 30 Luglio per saldo di anno successivo a quello di riferimento del costo di certificazione), accertato a seguito di controlli amministrativi, con riduzione di aiuto pari a: 3% per ritardo nell’invio della domanda rispetto al termine fissato relativamente ad ultima annualità di impegno (nessuna sanzione per ritardi in caso di domande di pagamento intermedie); 100% se invio domanda attuata oltre termine ultimo di rendicontazione delle spese per PSR 2014/20
  • Misura 3.2 promozione dei prodotti agroalimentari con marchio di qualità e Misura 16.4 sostegno ad attività promozionale nell’ambito di filiere agroalimentari:
  1. mancata indicazione nelle azioni di informazione, comunicazione, pubblicità dei riferimenti al sostegno finanziario UE (v. emblema UE presente ma assente riferimento a fondo FEASR; presenza nel sito web della descrizione di evento e del sostegno finanziario FEASR ma assenza di questo nel luogo di evento), accertata a seguito di controlli amministrativi (verifica: documenti inerenti eventi promozionali) con riduzione aiuto pari a: 5% in caso di presenza di tali riferimenti nel materiale di informazione e promozione ma non in modo conforme a quanto previsto nel bando; 100% in caso di assenza dei suddetti riferimenti
  • Misura 4.2 trasformazione e commercializzazione prodotti agricoli (anche nell’ambito di filiera agroalimentare e di filiera corta e mercati locali):
  1. mancata dimostrazione per almeno 3 anni, a decorrere dalla 1° annualità post investimento che almeno il 60% delle materie prime lavorate nell’impianto oggetto di finanziamento sono di qualità (cioè prodotti DOP, IGP, STG, DOC, DOCG, IGT, QM), accertata a seguito di controlli ex post amministrativi (verifica: contratti; registri di magazzino; fatture di acquisto delle materie prime; altri documenti contabili utili), in loco (presenza di tali documenti in azienda) con riduzione aiuto pari a: 20% se la quota delle materie prime di qualità è compresa tra 56% e 60%; 30% se tale quota è compresa tra 53% e 56%; 50% se tale quota è compresa tra 50% e 53%; 100% se tale quota è inferiore a 50%
  2. mancata dimostrazione per almeno 3 anni, a decorrere dalla 1° annualità post investimento che almeno il 60% delle materie prima lavorate nell’impianto oggetto di finanziamento provengono da produttori agricoli di base, accertata a seguito di controlli ex post amministrativi (verifica: contratti; registri di magazzino; fatture di acquisto delle materie prime; altri documenti contabili utili), in loco (presenza di tale documentazione in azienda) con riduzione aiuto pari a: 20% se la quota delle materie prime proveniente dai produttori agricoli è compresa tra 56% e 60%; 30% se tale quota è compresa tra 53% e 56%; 50% se tale quota è compresa tra 50% e 53%; 100% se tale quota è inferiore a 50%
  • Misura 4.3 viabilità rurale e forestale:
  1. non impedimento al pubblico il transito sulla strada oggetto di intervento per almeno 10 anni a partire dal decreto di pagamento del saldo, accertato a seguito di controlli in loco ex post con riduzione aiuto pari a: proporzionalmente al periodo per cui impegno non viene soddisfatto se interdizione al pubblico transito è accertata per oltre 30 giorni senza giustificazioni valide; 100% se interdizione al pubblico transito avviene nei primi 24 mesi
  • Misura 6.1 premio di 1° insediamento a giovani agricoltori
  1. mancata conduzione, in qualità di capo azienda, di un’impresa agricola idonea all’insediamento per almeno 8 anni dal decreto di concessione del premio (impegno), accertata a seguito di controlli ex post amministrativi (verifica: fascicolo aziendale; visura camerale) ed in loco (presenza in azienda di tali documenti) con riduzione aiuto pari a: 30% se mancanza accertata nel 8° anno di impegno; 60% se mancanza accertata nel 7° anno di impegno; 100% se mancanza accertata entro il 6° anno di impegno
  2. mancato mantenimento della qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale (IAP) per l’intero periodo di impegno (8 anni) nella conduzione dell’impresa agricola in qualità di capo azienda, accertato a seguito di controlli ex post amministrativi (verifica: fascicolo aziendale; visura camerale; Unico) ed in loco (presenza in azienda di tali documenti) con riduzione aiuto pari a: 5% se mancanza accertata nel corso di 8° anno di impegno; 15% se mancanza accertata nel corso del 7° anno di impegno; 30% se mancanza accertata nel corso del 6° anno di impegno; 100% se mancanza accertata entro il 5° anno di impegno
  3. mancata partecipazione ad azioni di formazione per acquisire adeguate qualifiche e competenze professionali (se non già detenute) entro 36 mesi dal decreto di concessione del premio o mancato avvio della realizzazione del progetto di sviluppo aziendale entro 9 mesi dal decreto di concessione del premio, accertato a seguito di controlli amministrativi ed in loco (verifica: data di attestazione della frequenza al corso di formazione; data di avvio del piano di sviluppo aziendale) con riduzione aiuto pari a: 100% del premio giovani + 3% dell’aiuto concedibile per le altre misure del “pacchetto” in caso di mancato rispetto di 1 dei 2 impegni; 100% del premio giovani + 5% dell’aiuto concedibile per le altre misure del “pacchetto” in caso di mancato rispetto contestuale dei 2 impegni nei termini previsti dal bando; 100% del premio giovani e dell’aiuto concedibile per le altre misure del “pacchetto” in caso di mancata partecipazione al corso di formazione
  • Misura 6.4.a.3 produzione di energia rinnovabile da parte dell’impresa agricola
  1. mancato utilizzo nell’impianto di almeno il 50% di biomassa prodotta dall’impresa agricola, singola o associata, accertato a seguito di controlli amministrativi (verifica: contratti; registri di magazzino; altri documenti contabili utili) ed in loco (presenza di tali documenti in azienda) con riduzione aiuto pari a: 20% se quota di biomassa proveniente da impresa agricola è compresa tra 46% e 50%; 30% se tale quota è compresa tra 43% e 46%; 50% se tale quota è compresa tra 40% e 43%; 100% se tale quota è inferiore a 40%
  • Misure 16 progetti di cooperazione:
  1. mancato rispetto dei termini di sottoscrizione e presentazione dell’atto di costituzione dell’aggregazione beneficiaria delle Misure di cooperazione, accertato a seguito di controlli amministrativi (verifica: data di invio dell’atto) con riduzione aiuto pari a: 3% in caso di ritardo nella sottoscrizione od invio dell’atto costitutivo inferiore a 90 giorni dal termine fissato nel bando; 5% se ritardo compreso tra 90 e 120 giorni; 10% se ritardo compreso tra 120 e 180 giorni; 100% se ritardo superiore a 180 giorni
  2. mancato rispetto dei termini previsti dal bando per inizio delle attività progettuali e per la comunicazione del loro inizio al Servizio, accertato a seguito di controlli amministrativi (verifica: data di inizio dell’attività; data di sua comunicazione) con riduzione aiuto pari a: 3% se ritardo inferiore a 120 giorni rispetto al termine fissato nel bando; 100% se superiore a 120 giorni
  • Misura 16.5 sostegno alla cooperazione per creazione e gestione di accordi agroambientali di area (AAA):
  1. mancato mantenimento nei 5 anni previsti per l’attuazione di AAA di almeno il 60% dei “requisiti dimensionali minimi stabiliti dal bando, accertato a seguito di controlli amministrativi (verifica: superfici aziendali aderenti ad AAA ed impegnate nelle Misure agroambientali) con riduzione aiuto pari a: 10% se i requisiti minimi dimensionali stabiliti in AAA sono rispettati per una quota compresa tra 56% e 60%; 15% se rispettati per una quota compresa tra 53% e 56%; 30% se rispettati per una quota compresa tra 50% e 53%; 100% se rispettati per una quota inferiore al 50%
  • Misure 16.6 e 16.8 aggregazione nel settore della forestazione
  1. mancata realizzazione del Piano (compreso quello di gestione forestale) in modo conforme rispetto alle finalità della Misura ed a quanto approvato (fermo restando verifica finale su base catastale della superficie effettivamente pianificata), accertata a seguito di controlli amministrativi (verifica a campione, su almeno 5% delle particelle catastali del Piano: presenza e corrispondenza di tali particelle nel fascicolo aziendale aggiornato e validato; uso del suolo nel SIAN) ed in loco (verifica a campione “scegliendo percorsi e località tra quelle incluse nel Piano”: uso del suolo a bosco) con riduzione aiuto pari a: 5% se non corrispondenza tra particelle indicate nel documento di pianificazione con quanto accertato nella verifica documentale/sopralluogo è inferiore a 3% della superficie; 40% se mancata corrispondenza è compresa tra 3% e 20% della superficie; 100% se mancata corrispondenza è superiore a 20% della superficie
  • accordi agroambientali di area (AAA), progetti integrati di filiera (PIF) agroalimentare, filiera corta/mercati locali, filiera legno energia:
  1. mancata registrazione ed invio al Servizio di contratto/accordo entro 30/60 giorni da comunicazione di finanziamento di AAA o PIF, accertato a seguito di controlli amministrativi (verifica data di registrazione ed invio degli atti) con riduzione di aiuto pari a: 3% se registrazione ed invio di atto dopo termini fissati ma prima di invio 1° domanda di saldo da parte di un soggetto aderente a filiera; 100% se registrazione atto dopo invio 1° domanda di saldo. Nessuna sanzione se registrazione di atto effettuata presso pubblico registro consultabile da Servizio
  • progetti integrati di filiera (PIF) agroalimentare o di filiera corta/mercato locale
  1. mancato raggiungimento/mantenimento in un periodo di 3/5 anni delle condizioni di piena operatività del PIF (cioè fatturato minimo fissato nel bando), accertato a seguito di verifiche in itinere con riduzione aiuto pari a: 30% per la Misura 3.2 (promozione dei prodotti agroalimentari); 10% per la Misura 4.1 (ammodernamento strutture aziendali); 15% per la Misura 4.2 (trasformazione e commercializzazione di prodotti agroalimentari); 10% per la Misura 6.4.a.5 (punti vendita aziendali); 20% per la Misura 16.4 (sostegno ad aggregazione di filiera corta/mercato locale); 0% per domande relative a Misura 1.1.a (formazione), Misura 1.2.a (azioni informative e dimostrative su gestione aziendale), Misura 3.1 (certificazione delle produzioni di qualità), Misura 16.2 (sostegno a progetti pilota per sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi, tecnologie)
  • progetti integrati di filiera (PIF) legno-energia
  1. mancato raggiungimento/mantenimento in un periodo di 3/5 anni delle condizioni di piena operatività del PIF(cioè fatturato minimo fissato nel bando), accertato a seguito di verifiche in itinere con riduzione aiuto pari a: 15% per la Misura 6.4.b (sviluppo attività non agricole); 15% per la Misura 8.6 (trasformazione e commercializzazione prodotti forestali); 15% per la Misura 16.6 (sostegno ad aggregazione nel settore forestale); 0% per domande relative a Misura 1.1.a (formazione), Misura 4.3 (viabilità rurale e forestale), Misura 6.2 (avvio imprese extragricole), Misura 2 (sostegno a progetti pilota per sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi, tecnologie)
  • accordi agroambientali di area (AAA)
  1. mancato mantenimento nei 5 anni previsti per attuazione di AAA di almeno il 60% dei requisiti dimensionali minimi stabiliti dal bando, accertato a seguito di verifiche in itinere, con riduzione aiuto pari a: 100% per domande relative a Misura 10.1.a (produzione integrata) con recupero del premio concesso nelle annualità precedenti; 10% per domande relative alla Misura 11.1 (conversione dalla produzione convenzionale al biologico) e Misura 11.2 (mantenimento della produzione biologica) e Misura 16.5 (sostegno ad aggregazione per creazione e gestione di AAA) + recupero del 10% del premio concesso nelle annualità precedenti; 0% per domande relative alla Misura 1.1.a. (formazione), Misura 1.2.b (azioni informative e dimostrative su tematiche ambientali), Misura 2 (sostegno ai progetti pilota ed allo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche processi e tecnologie)