PSR E BENESSERE ANIMALE

PSR E BENESSERE ANIMALE (Reg. 1305/13; D.A. 12/03/18 Mis. 14.1; D.G.R. 22/3/21; D.D.S. 15/4/21, 17/5/21, 11/11/21) (psr48)

Soggetti interessati:

Servizio Politiche Agroalimentari (Servizio), Servizio Decentrato Agricoltura (SDA)

Agricoltori attivi ai sensi di Art. 9 del Reg. 1307/13, singoli o associati, che al momento di invio della domanda:

  1. risultano titolari di allevamenti zootecnici ricadenti nelle Marche e detentori di
  2. detengono bestiame bovino ed ovicaprino da latte e carne, nonché suini avente una consistenza media annua di almeno 10 UBA/specie (5 UBA nelle zone montane), dove: 1 UBA corrisponde ad 1 toro, vacca ed altro bovino di oltre 2 anni; 0,6 UBA corrisponde a 1 bovino da 6 mesi a 2 anni; 0,4 UBA corrisponde a 1 bovino di meno di 6 mesi; 0,15 UBA corrisponde a 1 ovicaprino; 0,5 UBA corrisponde a 1 scrofa riproduttrice di oltre 50 kg.; 0,3 UBA corrisponde ad altra tipologia di suino
  3. si impegnano per tutti gli animali della stessa specie presenti in azienda (come risulta da fascicolo aziendale e da Banca Dati Nazionale (BDN), pur se il premio viene erogato solo per 100 UBA
  4. si impegnano a mantenere in allevamento gli animali oggetto di domanda per un periodo di almeno 5 anni. Se durante periodo di impegno, beneficiario trasferisce, totalmente o parzialmente, azienda ad altro soggetto, mantiene diritto ad aiuto solo se: cedente comunica a SDA variazione intervenuta al momento del suo trasferimento; subentrante compila modello AGEA nella parte “Cambio del beneficiario”, evidenziando assunzione a mantenere impegni presi per durata residua (modello inviato via PEC a SDA)
  5. si impegnano ad apportare un sostanziale miglioramento al benessere degli animali aziendali rispetto ai requisiti obbligatori di legge tramite applicazione delle seguenti Azioni:
    • Azione 1riguardante acqua, alimenti e cura di animali in conformità con esigenze naturali di allevamento, comprendente:
      • obbligo non remunerato per personale impiegato nella gestione di animali di partecipare entro 15/5/2022  ad 1 corso di almeno 20 ore, inerente la gestione aziendale e sanitaria degli animali, con acquisizione  di attestato di partecipazione al corso rilasciato da Organismo riconosciuto da Regione. Assegna 10 punti per ogni specie di animali
      • impegno a stabilire un rapporto continuativo di assistenza con veterinario che comporta: stipula entro 15/7/2021di un contratto professionale con veterinario che prevede almeno 3 visite/anno; obbligo di registrare fatture emesse per ogni visita da veterinario. Assegna: 10 punti per bovini (da latte e carne) e suini; 15 punti per ovicaprini
      • supporto di alimentarista per definire una dieta bilanciata alle esigenze degli animali allevati che comporta: stipula entro 15/7/2021di un contratto con veterinario alimentarista che prevede almeno 2 visite/anno; obbligo di registrare fatture emesse per ogni visita da veterinario. Assegna: 5 punti per bovini (da latte e carne) ed ovicaprini; 10 punti per suini
      • verifica della qualità igienico sanitaria dell’acqua di abbeverata che comporta: conservazione esito di analisi annuale di tipo chimico e batteriologico eseguite entro 15/5/2022 da ARPAM o laboratorio accreditato. Assegna: 5 punti per bovini da carne, ovicaprini, suini; 4 punti per bovini da latte
      • cura sistematica dei piedi degli animali che comporta: compilazione di registro in cui annotare gli interventi di mascalcia eseguiti; conservazione delle fatture rilasciate da personale qualificato a partire da 15/5/2021. Assegna: 5 punti per bovini (da latte e carne); 3 punti per ovicaprini; 2 punti per suini
      • lotta sistematica a roditori ed altri infestanti (mosche) che comporta: stipula di un contratto con ditta specializzata entro 15/7/2021 che prevede almeno 3 interventi/anno; registrazione di fattura emessa per ogni intervento. Assegna: 5 punti per bovini da carne, ovicaprini, suini; 3 punti per bovini da latte
      • definizione di aree destinate a quarantena di animali e/o ad infermeria che comporta: delimitazione aree di ricovero entro 15/7/2021. Assegna: 5 punti per bovini da carne e suini; 4 punti per bovini da latte; 7 punti per ovicaprini
      • adozione misure di prevenzione e controllo della contaminazione degli animali da micotossine che comporta: conservazione esito di analisi eseguite almeno 2 volte/anno (prima analisi da eseguire entro 15/11/2021) su mangimi o mais da granella per ricerca di aflatossine. Assegna: 4 punti per bovini da latte; 5 punti per ovicaprini; 3 punti per suini
      • corretta gestione igienico sanitaria delle gabbiette che comporta: compilazione di registro in cui annotare quantità e qualità del prodotto igienico sanitario impiegato; conservazione delle relative fatture di acquistoa partire da 15/5/2021. Assegna 2 punti per bovini da latte

Azione obbligatoria da applicare per: bovini da carne limitatamente ai punti da 1 a 7; ovicaprini e suini limitatamente ai punti da 1 a 8; bovini da latte per tutte le tipologie di intervento

Massimo punteggio di priorità assegnabile per Azione 1 pari a: 45 per bovini da carne; 48 per bovini da latte; 55 per ovicaprini; 50 per suini

  • Azione 2ammodernamento delle condizioni di stabulazione (quali tolleranze di spazio, lettiera, luce naturale), comprendente:
    • passaggio dal sistema di allevamento a posta fissa a quello a stabulazione libera che comporta: assenza di capi legatia partire da 15/5/2021. Assegna: 15 punti per bovini da carne; 12 punti per bovini da latte
    • corretta gestione della lettiera, legata alle condizioni igienico sanitarie e di comfort (impagliamento 2 volte/settimana, rimozione totale di lettiera 2 volte/anno) che comporta: compilazione di registro su cui annotare quantità e provenienza del materiale di lettiera e quantità impiegata nella distribuzione in stalla; conservazione delle fatture di acquisto di paglia o materiale similarea partire da 15/5/2021. Assegna 5 punti per ogni specie di animali

Azione obbligatoria da applicare per: ovicaprini e suini limitatamente al punto 2; bovini per tutte le tipologie di intervento

Massimo punteggio di priorità assegnabile per Azione 2 pari a: 20 per bovini da carne; 17 per bovini da latte; 5 per ovicaprini e suini

  • Azione 3consentire accesso all’aperto agli animali, comprendente:
    • passaggio ad una tipologia di allevamento semi estensivo (pascolo nel periodo primaverile-estivo e stalla nel periodo autunnale-inverrnale) o estensivo, con disponibilità di pascolo per almeno 8 ore/giorno e per almeno 180 giorni/anno(anche non continuativi) che comporta: delimitazione catastale di area adibita a pascolo da attuarsi entro 15/5/2022; verifica sul fascicolo aziendale delle superfici a pascolo disponibili; calcolo di UBA/ha. (inferiore a 2 UBA/ha. nel periodo di pascolo). Assegna 10 punti per ogni specie di animali
    • integrazione alimentare al pascolo nelle fasi stagionali più critiche che comporta: compilazione di registro in cui annotare qualità e provenienza degli alimenti e quantità impiegata nella distribuzione; conservazione delle relative fatture di acquisto a partire da 15/5/2021. Assegna 5 punti per ogni specie di animali
    • esecuzione di almeno 1 controllo parassitologico annuale su almeno 1% degli animali al pascolo (minimo 3 capi), con eventuale trattamento farmacologico di tutti gli animali al pascolo in caso di necessità che comporta: conservazione esito di analisi in caso di necessità di intervento veterinario; conservazione ed annotazione di fattura di veterinario in registro a partire da 15/5/2021. Assegna: 5 punti per bovini (da latte e carne) e suini; 10 punti per ovicaprini

Azione obbligatoria da applicare per ogni specie di animali e per tutte le tipologie di intervento

Massimo punteggio di priorità assegnabile per Azione 3 pari a: 20 punti per bovini (da latte e carne) e suini; 25 punti per ovicaprini

  • Azione 4 pratiche che evitano la mutilazione o la castrazione da applicare su bovini, ovicaprini, suini, comprendente:
    • utilizzo di anestetici e farmaci antinfiammatori, qualora necessario intervenire con tali pratiche su numero comunque inferiore a 5% di animali allevati che comporta: stipula di contratto entro 15/7/2021 con veterinario che prevede almeno 6 visite/anno; registrazione delle fatture emesse da veterinario per ogni 6 visita.

Massimo punteggio di priorità assegnabile per Azione 4 pari a: 15 punti per bovini ed ovicaprini; 25 punti per suini

  1. si impegnano ad attuare obbligatoriamente le Azioni 1 e 4 e facoltativamente le Azioni 2 e 3
  2. non beneficiato di aiuti con precedenti bandi Misura 14.1 del 2016 e 2018
  3. accetta clausola di revisione degli impegni assunti in caso di modifiche introdotte da Commissione UE, anche al fine di evitare doppio finanziamento. Se beneficiario non accetta di adeguarsi, può rinunciare ad impegno senza obbligo di rimborsare gli importi percepiti negli anni precedenti

Iter Procedurale

Giunga Regionale con DGR 310 del 22/3/2021 e Servizio con DDS 286 del 15/4/2021 (come modificato da DDS 416 del 15/7/2021) emanato bando ad evidenza pubblica, a seguito del quale soggetti interessati presentano domanda di pagamento, tramite SIAN, entro 15/6/2021, avvalendosi di CAA o libero professionista accreditato, a cui conferito mandato da inserire in SIAN e conservare in fascicolo aziendale, seguendo seguente procedura:

  • stampa modello di domanda su SIAN contrassegnato con numero univoco (Barcode)
  • acquisizione firma del beneficiario (sottoscrizione autografa) su  domanda cartacea (da inserire nel fascicolo aziendale detenuto dal CAA, ai fini di successivi controlli). In alternativa è possibile da parte di utente che ha registrato le proprie informazioni anagrafiche sul portale AGEA sottoscrivere la domanda con firma elettronica mediante codice OTP. In tal caso AGEA, a seguito di verifica della abilitazione di utente, invia a questo codice OTP mediante SMS sul suo cellulare, affinché possa digitarlo ai fini del rilascio della domanda
  • rilascio telematico di questa tramite SIAN

Domanda se presentata da libero professionista o corredata da allegati per essere valida, una volta rilasciata su SIAN, va inserita entro 30/7/2021 su SIAR, seguendo seguente procedura:

  • compilazione di apposita pagina predisposta per caricamento contenente: anagrafica della ditta (inclusa PEC); ID della domanda a SIAN; Misura e Sottomisura di riferimento; tipologia di domanda (iniziale o modifica); SDA competente per territorio
  • sottoscrizione, in formato digitale utilizzando carta Raffaello o altra carta servizi abilitata dal sistema, della dichiarazione attestante di: aver presentato domanda su SIAN (specificare ID); aver sottoscritto domanda con firma OTP o apponendo firma autografa su modello cartaceo; confermare tutte le dichiarazioni ed impegni presi con la domanda rilasciata a SIAN
  • caricamento (in formato pdf) della domanda rilasciata su SIAN (con o senza firma OTP), nonché dei seguenti documenti:
  1. piano aziendale attestante situazione di pratiche adottate in azienda al momento di invio domanda (Modello predisposto dal Servizio);
  2. certificazione del livello di benessere animale in allevamento al momento di invio domanda sottoscritta da veterinario iscritto ad Albo professionale (Modello predisposto dal Servizio)
  • rilascio telematico su SIAR di tali documenti con relativo codice attributivo fornito da SIAR

Possibile presentare, tramite SIAN e poi caricare su SIAR, dopo invio di domanda:

  • “domanda di modifica” (specificare numero domanda iniziale pena sua inammissibilità) fino a 30/6/2021relativa a: modifica o aggiunta codici di allevamento; riferimenti bancari/postali per il pagamento;
  • “domanda  di ritiro parziale” (riguardante: cancellazione di singoli appezzamenti/particelle dichiarate in domanda o riduzione della superficie dichiarata per singoli appezzamenti/particelle; aggiornamento di consistenza zootecnia e riduzione quantità richieste a premio) o “domanda di ritiro totale” fino a data di apertura su portale SIAN della fase istruttoria con contestuale pubblicazione di indicatori di inadempienze riscontrate in domanda o comunicazione di intenzione di svolgere controllo in loco. Se domanda presentata da libero professionista occorre inserirla entro 10 giorni su SIAR
  • domanda di correzione anomalie rilevate nei controlli preliminari (attuati con sistemi fruibili su intero territorio italiano, basati su strumenti geospaziali ed altri controlli incrociati – compresi quelli con BDN zootecnica – in grado di evitare disparità di trattamento tra beneficiari) notificati da SIAN entro 20/7/2021 al beneficiario, affinché possa presentare domanda di correzione fino a 30/7/2021
  • domanda di modifica per cause di forza maggiore o circostanze eccezionali dovute all’impossibilità per problemi di natura procedurale ed informatica di ottenere rilascio di scheda valida del fascicolo aziendale o se scheda contiene dati non corretti. In tal caso nuova domanda (evidenziare problemi informatici riscontrati) presentata entro 30/9/2021 su SIAR e caricata su SIAR entro 10 giorni successivi (comunque entro 11/10/2021)

In caso di più domande (comprese quelle di modifica) presentate, si considera valida l’ultima pervenuta.

Domanda di sostegno e pagamento (nonché allegati) può essere corretta o adeguata in qualsiasi momento, in caso di errore palese riconosciuto da Autorità competente, quale: errore materiale di compilazione di domanda e/o allegati; compilazione incompleta di domanda e/o allegati; contraddizione tra elementi in domanda ed in allegati. Non si considera errore palese: mancata indicazione in domanda di superfici/capi condotti; dichiarazione che superfici/capi non più legittimamente condotti da richiedente; errata dichiarazione dei requisiti di accesso alla Misura; dichiarazione di superfici/capi errata come rilevato da accertamenti intervenuti

Richiedente può delegare soggetti terzi ad interloquire con Servizio mediante invio di comunicazione con firma autenticata (Allegare documento di identità di legale rappresentante impresa), in cui evidenziare: dati del soggetto delegato; attività delegate; durata della delega (in genere fino a termine trattazione della pratica)

Tutte le comunicazioni con Servizio e SDA avvengono mediante PEC

Richiedente, dopo invio domanda, deve comunicare a SDA eventuali variazioni dei dati riportati nella stessa rilevanti ai fini di ammissibilità e/o assegnazione dei punteggi.

Istruttoria viene eseguita da SDA entro 180 giorni, accertando: esattezza dei dati dichiarati in domanda; sussistenza dei requisiti di accesso (in particolare piano aziendale, certificazione livello vigente del benessere di animali); validità degli impegni assunti. Se in fase di istruttoria si ritiene necessario acquisire ulteriori informazioni, notificata tale richiesta ad interessato, specificando termine perentorio entro cui questo deve trasmetterla, pena mancato esame di queste. SDA in fase di istruttoria può eseguire visite aziendali per verificare: rispondenza di quanto dichiarato dai beneficiari; fattibilità degli interventi proposti; conformità di questi agli obiettivi della Misura

Sono considerate non ammissibili domande (comprese quelle di modifica): presentate oltre termini; mancanti della documentazione prescritta;  presentate da soggetti  non aventi requisiti soggettivi/oggettivi richiesti; prive di sottoscrizione o sottoscritte con modalità diverse da quelle prescritte o sottoscritte non dal legale rappresentante. Inammissibilità della domanda comunicata ad interessato, specificando motivo e termine (10 giorni)  entro cui possibile presentare memorie scritte a Comitato di Coordinamento Misura (CCM) che, entro termine di conclusione istruttoria, decide nel merito. In caso di ulteriore responso negativo, interessato può rivolgersi a TAR entro 60 giorni da notifica, o al Capo dello Stato entro 120 giorni da notifica.

A conclusione di istruttoria, SDA invia elenchi delle domande ammissibili a Servizio, che approva elenco unico regionale, tenendo conto delle seguenti priorità dichiarate in sede di domanda:

  • allevamenti ubicati in zone montane ai sensi della Direttiva UE 268/75 (Peso 40%): 1 punto per aziende ubicate in aree D; 0,8 punti per aziende ubicate in aree C3. Per assegnazione punteggio si fa riferimento a centro operativo aziendale e codice aziendale di BDN
  • allevamenti sentinella di bovini ed ovicaprini che adottano misure di lotta contro febbre catarrale degli ovini (Peso 30%): 1 punto
  • aziende con allevamenti bovini o ovicaprini (Peso 20%): 1 punto per aziende con allevamenti bovini; 0,5 punti per aziende con allevamenti ovicaprini
  • adesione volontaria di azienda ad azioni di controllo di malattie infettive (quali IBR dei bovini e paratubercolosi bovina) per acquisire riconoscimento di qualifica di allevamento indenne (Peso 10%): 1 punto

Domande finanziate in ordine decrescente di graduatoria fino alla concorrenza della dotazione finanziaria. A parità di punteggio assegnata priorità al richiedente con punteggio più elevato conseguito in relazione ad Azioni 1, 2, 3, 4. Per bando 2021 DDS 1042 del 11/11/2021 stabilisce non necessaria redazione di graduatoria in quanto risorse stanziate sufficienti per soddisfare tutte le domande ammissibili

Graduatoria pubblicata sul sito www.norme.marche.it affinché interessati possano presentare ricorso entro 60 giorni a TAR o entro 120 giorni a Capo dello Stato

Beneficiario per usufruire del premio nel periodo di impegno deve inviare, su SIAN entro 15 Maggio (per anno 2021 entro 15/6/2021), domanda di conferma, mantenendo stesso numero di capi oggetto di impegno iniziale.

A livello di controllo amministrativo, informatico (compreso quelli di SIGC) ed in loco su 100% delle domande ammissibili si dovrà accertare:

  • esistenza e congruità dati anagrafici di dichiarante in anagrafe tributaria
  • presenza titoli di conduzione di azienda con riferimento a fascicolo aziendale
  • disponibilità delle superfici aziendali al 15/5/2021
  • consistenza zootecnica di azienda con quanto riportato in BDN
  • compatibilità di quanto dichiarato in domanda PSR con quanto dichiarato in altri regimi di aiuto
  • certificazione bancaria inerente codice IBAN
  • completezza e congruità di informazioni riportate in domanda (in particolare data di inizio e fine impegno)
  • controlli specifici previsti per Misura

AGEA, a conclusione dei controlli, comunica, tramite portale SIAN, ad interessato esito positivo della domanda e procede al pagamento di aiuto. Se invece procedimento amministrativo si è chiuso con esito negativo, la comunicazione ad interessato è eseguita da Servizio.

Pagamento  di aiuto eseguito da AGEA a seguito invio elenchi di autorizzazione alla liquidazione da parte di Servizio e dopo che esito dei controlli sono stati positivi. AGEA può versare nel periodo 16 Ottobre – 1 Dicembre 2021 un anticipo (fino a 75%), dopo esecuzione controlli amministrativi/informatici (compresi quelli SIGC).

Pagamento AGEA avviene mediante accredito su conti correnti bancari o postali, intestati al beneficiario indicati in domanda. In caso di loro modifica, occorre inviare subito comunicazione ad AGEA e Servizio, corredata da certificazione di Istituto di credito (documentazione da conservare in fascicolo aziendale).

Contro provvedimenti di decadenza di aiuto ammesso ricorso presso Autorità giudiziaria.

Entità aiuto:

Per bando anno 2021 stanziati 1.900.000 € (950.000 €/anno), di cui 10% destinati a fondo riserva per far fronte ad eventuali ricorsi amministrativi o giurisdizionali. Regione si riserva di prevedere risorse aggiuntive per garantire regolare avanzamento finanziario della Misura

Contributo annuale erogato per 2 anni, calcolato in base ai maggiori costi e minori ricavi connessi agli impegni assunti, pari a:

  • per bovini da carne: 184 €/UBA per Azione 1; 125 €/UBA per Azione 2; 131 €/UBA per Azione 3; 16 €/UBA per Azione 4. Se attuate più Azioni ammesso cumulo fino a: 200 €/UBA per Azioni 1 e 4; 325 €/UBA per Azioni 1, 2 e 4; 331 €/UBA per Azioni 1, 3 e 4
  • per bovini da latte: 213 €/UBA per Azione 1; 125 €/UBA per Azione 2; 131 €/UBA per Azione 3; 16 €/UBA per Azione 4. Se attuate più Azioni ammesso cumulo fino a: 229 €/UBA per Azioni 1 e 4; 354 €/UBA per Azioni 1, 2 e 4; 361 €/UBA per Azioni 1, 3 e 4
  • per ovini: 98 €/UBA per Azione 1; 54 €/UBA per Azione 2; 57 €/UBA per Azione 3; 16 €/UBA per Azione 4. Se attivate più Azioni ammesso cumulo fino a: 114 €/UBA per Azioni 1 e 4; 168 €/UBA per Azioni 1, 2 e 4; 171 €/UBA per Azioni 1, 3 e 4
  • per suini: 69 €/UBA per Azione 1; 6 €/UBA per Azione 2; 21 €/UBA per Azione 3; 9 €/UBA per Azione 4. Se attivate più Azioni ammesso cumulo fino a: 78 €/UBA per Azioni 1 e 4; 84 €/UBA per Azioni 1, 2 e 4; 99 €/UBA per Azioni 1, 3 e 4

Aiuto erogato per animali aziendali presenti in BDN fino ad un massimo di 100 UBA/specie/anno, fermo restando obbligo di applicare Azioni 1, 2, 3, 4 a tutti gli animali presenti in azienda

Sanzioni:

Domande (comprese quelle di modifica) presentate con ritardo inferiore a 25 giorni rispetto ai termini fissati: aiuto ridotto di 1% per giorno di ritardo.  Domande inviate dopo 12/7/2021 su SIAN o dopo 30/7/2021 su SIAR, o domande di ritiro parziale/totale inviate dopo comunicazione di avvio di istruttoria, o di intenzione a svolgere controlli in loco: domande inammissibili

In caso di mancato rispetto degli impegni di condizionalità o specifici della Misura; riduzione o esclusione da beneficio, in funzione di gravità, entità, durata, frequenza di inadempienza.

In caso di animali dichiarati in quantità superiore rispetto a quella accertata in fase di controllo: riduzione o esclusione di aiuto, in base a quanto disposto da Reg. 640/14.