MANGIMI BIOLOGICI

MANGIMI BIOLOGICI (Reg. 834/07, 889/08)  (agreco25)

Soggetti interessati:

Chiunque produce e commercializza mangimi, mangimi composti o materie prime per mangimi destinati ad animali allevati con sistema biologico, con esclusione di mangimi destinati ad eventuali familiari, o animali allevati per la loro pelliccia, animali di acquicoltura.

Iter procedurale:

Nella trasformazione di mangimi biologici e nell’alimentazione di animali biologici ammesse solo seguenti sostanze:

a)       materie prime non biologiche di origine vegetale o altre materie prime per mangimi elencate in Allegato V a Reg. CE 889/08 pubblicato su G.U.CE 154/12, purché preparate senza solventi chimici e rispettate restrizioni di impiego;

b)       spezie, erbe aromatiche e melasse non biologiche, purché non disponibili in forma biologica, preparate senza solventi chimici, loro utilizzo limitato ad 1% di razione alimentare di data specie, calcolata annualmente come percentuale di sostanza secca di alimenti di origine agricola;

c)       materie prime biologiche di origine animale per mangimi;

d)       materie prime di origine minerale per mangimi elencate in Allegato V a Reg. CE 889/08 pubblicato su G.U.CE 154/12;

e)       prodotti ottenuti da attività di pesca sostenibili, purché preparati senza solventi chimici, loro impiego limitato a specie non erbivore, impiego di idrolizzanti proteici di pesca limitato ai soli animali giovani;

f)        sale marino o salgemma grezzo estratto da giacimenti;

g)       additivi per mangimi elencati in Allegato VI a Reg. CE 889/08 pubblicato su G.U.CE 154/12       

Metodo di trasformazione di mangimi biologici si basa su seguenti principi specifici:

a)       produrre mangimi biologici composti di ingredienti provenienti da agricoltura biologica, salvo caso di ingrediente non disponibile sul mercato in forma biologica;

b)       limitare uso di additivi e ausiliari di fabbricazione per mangimi al minimo e soltanto nei casi di impellente necessità tecnologica o zootecnica a fini nutrizionali specifici;

c)       non utilizzare sostanze e metodi di trasformazione che possono trarre in inganno quanto alla vera natura del prodotto;

d)       trasformare in maniera accurata mangimi, preferibilmente avvalendosi di metodi biologici, meccanici e fisici.

Aziende che producono mangimi biologici debbono rispettare seguenti norme:

a)       produzione mangimi biologici separata nel tempo o nello spazio da produzione mangimi non biologici;

b)       nella composizione di mangimi biologici non entrano insieme materie prime biologiche o provenienti da aziende in conversione e materie prime convenzionali;

c)       vietata trasformazione con ausilio di solventi chimici delle materie prime per mangimi;

d)       vietato impiego di sostanze e tecniche intese a ripristinare proprietà perdute nella trasformazione e magazzinaggio di mangimi biologici, o “ad ovviare a negligenza nella trasformazione o che possono trarre in inganno sulla vera natura di tali prodotti”.

Nel trasporto di mangimi verso altre unità di preparazione o verso altri locali di magazzinaggio, operatori debbono:

a)       assicurarsi che durante trasporto mangimi ottenuti da produzioni biologiche, mangimi ottenuti da produzioni in conversione mangimi non biologici tenuti fisicamente separati tra loro;

b)       utilizzare veicoli e/o contenitori che hanno trasportato in precedenza prodotti non biologici solo dopo accurata pulizia (Registrare tale operazione in apposito registro), adottati “ogni misura necessaria in funzione dei rischi valutati” (Fino a non immettere in commercio prodotti con indicazione di biologico), tenuti documenti relativi al trasporto a disposizione di Autorità controllo;

c)       eseguire trasporto di mangimi biologici finiti in modo separato da trasporto di altri prodotti finiti

d)       verificare che “quantità di prodotto ad inizio del trasporto e quantitativi consegnati ad ogni tappa vengano registrati”.

Norme su uso di marchi commerciali e denominazione di vendita per mangimi biologici non applicati ad animali da compagnia ed animali da pelliccia. Marchi commerciali e denominazioni di vendita possono recare dicitura biologico solo se tutti gli ingredienti di origine vegetale od animale impiegati sono ottenuti con metodo biologico ed almeno 95% di sostanza secca del prodotto finale è ottenuta con tali ingredienti.

Termine biologico e logo biologico CE utilizzato nella etichettatura di mangimi trasformati, purché:

a)       mangimi trasformati sono conformi a disposizioni comunitarie per bestiame e per animali di acquicoltura, in particolare per quanto concerne prodotti e sostanze contenute ed alle norme relative alla produzione di mangimi ed alimenti trasformati;

b)       tutti gli ingredienti di origine vegetale o animale contenuti nei mangimi trasformati sono ottenuti con metodo biologico;

c)       almeno 95% di sostanza secca del prodotto finale è costituito da prodotti biologici.

Nel caso di mangimi biologici contenenti anche percentuali variabili di materie prime ottenute da aziende in conversione biologica secondo quanto previsto da normativa CE riportare in etichetta dicitura “può essere utilizzato in agricoltura biologica, conformemente ai Reg. CE 834/07 e 889/08