COSME

COSME (Reg. 1287/13)  (cee63)

Soggetti interessati:

Micro, piccole e medie imprese (PMI)

Iter procedurale:

CE approvato programma COSME valido per periodo 1/1/2014 – 31 /12/2020 nell’ambito di strategia Europa 2020 nell’intento di:

a)       rafforzare competitività e sostenibilità di PMI della UE;

b)       promuovere cultura imprenditoriale e creazione/crescita di PMI

Obiettivi specifici del programma COSME sono:

a)       migliorare accesso di PMI a finanziamenti sotto forma di capitale propria e di debito;

b)       migliorare accesso ai mercati entro UE o a livello mondiale;

c)       migliorare condizioni quadro per competitività e sostenibilità di PMI incluse quelle del settore turismo;

d)       promuovere spirito imprenditoriale e cultura di imprenditorialità;

e)       incoraggiare PMI ad adeguarsi ad economia a ridotte dimensioni, in grado di resistere a cambiamenti climatici e a basso uso di energia e risorse

Realizzazione di tali obiettivi misurato in base a seguenti indicatori:

a)       rendimento di PMI sotto il profilo della sostenibilità;

b)       modifiche di oneri amministrativi e normativi eccessivi gravanti su PMI nuove ed esistenti;

c)       modifiche proporzione di PMI che esportano entro o fuori UE;

d)       modifiche nella crescita di PMI;

e)       modifiche nella proporzione di cittadini UE che desiderano svolgere attività autonoma

In Allegato 2 a Reg. 1287/13 pubblicato su G.U.CE 347/13 riportato elenco dettagliato di indicatori per obiettivo

Programma COSME aperto a partecipazione di:

a)       Paesi di Associazione Europea di libero scambio (EFTA) che sono membri di Spazio Economico Europeo (SEE) ed altri Paesi Europei se accordi lo consentono

b)       Paesi aderenti, Paesi candidati e potenziali candidati secondo quanto stabilito nei rispettivi accordo quadro con UE

c)       Paesi nei cui confronti applicate politiche europee di vicinato, se accordo lo consentono

d)       Organismi stabiliti in Paesi di cui sopra, se questi partecipano a condizioni fissate in relativo accordo

e)       Organismi stabiliti in Paese Terzo ma solo aperte di programma COSME e non possono beneficiare di contributo UE, salvo se indispensabili per raggiungere obiettivi programma COSME in particolare termini di competitività ed accesso ai mercati da parte di imprese UE (sempre esclusi Organismi a scopo di lucro)

Autorità incaricata di attuare strumenti finanziari garantisce visibilità di azioni UE, assicurandosi che “intermediari finanziari informano espressamente destinatari finali del fatto che finanziamento possibile grazie al sostegno di strumenti finanziari previsti dal programma COSME”. Commissione assicura pubblicazione ex post informazioni su destinatari da rendere accessibili a potenziali destinatari finali

Per attuare programma COSME, Commissione adotta programmi di lavoro annuali, contenente:

a)       descrizione di azioni da finanziare obiettivi perseguiti da ogni azione (distinti in obiettivi generali e specifici), risultati attesi, metodi di attivazione, importo assegnato ad ogni azione, importo totale per tutte le azioni, calendario indicativo di attuazione, profilo di pagamento;

b)       indicatori qualitativi e quantitativi per ogni azione per controllare efficacia in termini di risultati e realizzazione obiettivi di azione in questione;

c)       criteri di valutazione definiti in modo tale da realizzare obiettivi perseguiti da programma COSME e tasso massimo di cofinanziamento di sovvenzioni e misure correlate;

d)       strumenti finanziari, obblighi di informazione (compresa assegnazione prevista di dotazione finanziaria tra strumento di capitale proprio per crescita e strumento di garanzia prestiti, nonché informazioni di garanzia (Nesso con Orizzonte 2020).

Programma COSME attuato in modo da garantire che azioni sostenute tengono conto di necessità e sviluppi futuri, in base a valutazione intermedia, evoluzione dei mercati, economia e società.

Oltre a misure incluse in programma annuali, Commissione attua misure di sostegno per non oltre 2,5% risorse COSME per:

a)       miglioramento di analisi e controllo delle questioni relative a competitività settoriale ed intersettoriale;

b)       individuazione e diffusione di buone pratiche ed approcci strategici e loro ulteriore sviluppo;

c)       controlli di adeguatezza diritto vigente e valutazione di impatto di nuove misure UE importanti per competitività di imprese al fine di individuare del diritto esistente da semplificare e provvedere affinché oneri su PMI ridotti al minimo in aree in cui sono proposte nuove misure logistiche;

d)       valutazione di normativa riguardante imprese, politica industriale specifica e misure connesse a competitività;

e)       promozione sistemi integrarti on line di facile uso che forniscono informazioni su programmi di interesse per PMI, evitando sovrapposizioni con portali esistenti

Commissione controlla gestione programma COSME e redige relazione annuale su efficacia ed efficienza di azioni sostenute in termini di esecuzione finanziaria, risultati, costi ed impatto, comprendente: informazioni su beneficiari; importo di spesa relativa a cambiamenti climatici; impatto del sostegno ad obiettivi dei cambiamenti climatici; dati riguardanti prestiti connessi da strumento di garanzia dei prestiti per importi superiori od inferiori a 150.000 € prima raccolta di tali dati non comporta oneri amministrativi ingiustificati per impresa.

Entro 2018 Commissione redige relazione di valutazione intermedia su: coinvolgimento obiettivi di tutte le azioni del programma COSME in termini di risultati ed impatto efficienza uso di risorse e valore aggiunto europeo per valutare eventuale rinnovo; modifica, sospensione di misure; possibilità di semplificazione, coerenza interna ed esterna; sussistenza rilevanza di tutti gli obiettivi; contributo delle misure a priorità UE; risultati emersi da valutazione di impatto a lungo termine di misure precedenti e contributi a decisione di rinnovare, modificare o sospendere una misura

Commissione redige relazione di valutazione finale di impatto a lungo termine e sostenibilità di effetti di misure da inviare a Parlamento Europeo e al Consiglio e pubblicizzare                                   

Entità aiuto:

Dotazione finanziaria di COSME è pari a 2.298.243.0000 €, di cui:

–          almeno 60% destinati a strumenti finanziari

–          fino a 5%  per azioni preparatorie ed attività di monitoraggio, controllo, revisione contabile e valutazione necessarie ai fini di attuazione programma COSME, compresi studi, riunioni di esperti, azione di informazione e comunicazione (compresa comunicazione istituzionale delle priorità politiche UE), reti informazione dedicate ad elaborazione e scambio di informazioni, assistenza tecnica ed amministrativa sostenuta da Commissione per gestione programma COSME

–          fino a 21,5% per migliorare accesso di mercato

–          fino a 11% per migliorare condizioni di competitività e sostenibilità di PMI di UE

–          fino a 2,5% per promuovere spirito e cultura di imprenditorialità

Commissione può discostarsi da tali percentuali fino a 5%. Se superato tale limite, Commissione adotta atti delegati per modificare percentuali finanziarie

Se necessario alcuni stanziamenti possono essere iscritti in bilancio UE anche dopo 2020 per coprire spese di assistenza tecnica ed amministrativa necessarie ad assicurare transizione al programma COSME e consentire gestione azioni non completate a 31/12/2020

Commissione sostiene azioni volti a facilitare accesso a finanziamento di PMI nella fase di avvio, crescita, trasferimento integrando uso da parte Stato membro di strumenti finanziari per PMI a livello nazionale e regionale nell’intento di stimolare assorbimento ed offerte di finanziamento sia di debito, sia di capitale proprio, compresi finanziamento di avviamento, finanziamenti informali, finanziamenti quasi equità, (Esclusa spoliazione di attività), finanziamento transfrontaliero e multinazionale (aiutare PMI ed internazionalizzare propria attività), finanziamenti collettivi ed altri meccanismi finanziari innovativi

Strumenti finanziari per PMI includono strumento di capitale proprio e strumento di garanzia prestiti ed essere combinati ed integrati con:

a)       altri strumenti finanziari istituiti da Stati membri ed Autorità di gestione finanziati con fondi nazionali o regionali o nel contesto di attività dei Fondi strutturali, così da mettere in comune risorse finanziarie di Stati membri/Regioni disposti ad apportare parte dei fondi strutturali ad essi assegnati;

b)       altri strumenti finanziari istituiti da Stati membri ed Autorità- di gestione e finanziati con programmi nazionali o regionali fuori dal contesto di attività dei fondi strutturali;

c)       sovvenzioni UE;

d)       strumenti finanziari per PMI nel quadro di politica di coesione UE;

e)       strumenti finanziari istituiti per PMI nel quadro del programma Orizzonte 2020   

Assegnazione dotazione finanziarie ai vari strumenti tiene conto di domanda da parte di intermediari finanziari

Strumenti finanziari possono generare rendimenti accettabili per soddisfare obiettivi di partner od investitori. Strumento di capitale proprio per crescita “si prefigge di mantenere valore delle risorse messe a disposizione del bilancio UE”

Strumenti finanziari attuati in conformità a norme su aiuti di Stato

Rimborsi generati da strumenti finanziari a favore di PMI innovative ed a forte crescita ricevuti dopo 31/12/2013 assegnati a strumento di capitale proprio per crescita (EFG) attuato come parte di unico strumento finanziario UE per favorire crescita di imprese e ricerca ed innovazione (R&I) dalla fase di avvio a quella di crescita. EFG si concentra su fondi che forniscono capitale di rischio e finanziamenti mezzanini (Prestiti rimborsati, prestiti partecipativi) ad imprese in fase di crescita, in particolare a quelle operanti a livello transfrontaliero con possibilità di investire in fondi di avviamento insieme a strumento di capitale proprio per R&I nel programma Orizzonte 2020 e di mettere a disposizione strumenti di coinvestimento per investitori informali. In caso di investimento iniziale, investimento EFG inferiore a 20% investimento totale (Commissione può modificare percentuale in base ad evoluzione condizioni di mercato), salvo per investimenti frazionati e fondi di fondi, dove finanziamento EFG e strumento di capitale proprio per R&I messi a disposizione in base a politica di investimento del Fondo

Sostegno EFG fornito sotto forma di investimenti diretti da Fondo Europeo per Investimenti (FEI) o da altri organismi cui affidata attuazione EFG o da fondo di fondi od altri strumenti, che effettuano investimenti transfrontalieri istituti da FEI o da altri Organismi (compresi gestori del settore privato o pubblico) a cui Commissione affida esecuzione EFG.

EFG investe in fondi intermediari di capitale di rischio, tra cui Fondo di fondi, che offrono investimenti per PMI in fase di espansione. Investimenti effettuati nel quadro EFG sono a lungo termine (cioè in genere compreso tra 5 e 15 anni comunque mai oltre 20 anni a partire  da firma accordo tra Commissione ed Organismo di attuazione)

Commissione  sostiene azioni per migliorare:

a)       accesso di PMI al mercato interno, mediante azioni di sensibilizzazione e messa a disposizione di informazioni (anche tramite servizi digitali) in materia di programmi diritto e norme di UE;

b)       accesso di PMI a mercato extraUE mediante fornitura di informazioni su ostacoli ad accesso a tale mercato ed opportunità commerciali esistenti, appalti doganali, procedure doganali, nonché servizi di sostegno in termini di norme diritti di proprietà intellettuale vigenti in Paesi Terzi. Misure integrano attività di promozione commerciale di Stati membri, Azioni in ambito COSME possono avere come obiettivo cooperazione internazionali con Paesi Terzi in merito ad industria e normative, al fine di ridurre differenze tra UE ed altri Paesi in termini di quadri normativi per prodotti, sviluppo politica per imprese ed industriale, miglioramento contesto imprenditoriale

Commissione sostiene rete Enterprise Europe Network attuata in stretta collaborazione con Stati membri per evitare duplicazione di attività, comprendente:

a)       servizi integrati di sostegno a PMI che vogliono esplorare opportunità offerte dal mercato;

b)       servizi di informazione e consulenza su iniziative e diritto UE, sostegno al rafforzamento capacità di gestione per migliorare competitività PMI in tema di finanza (compresi servizi di informazione su opportunità di finanziamento, accesso al credito, programmi di tutoraggio), efficienza energetica, clima, ambiente, promozione programmi di finanziamento e strumenti finanziari UE (compreso programma Orizzonte 2020)

c)       agevolazione di partenariati transfrontalieri in materia commerciale, ricerca e sviluppo, trasferimento di tecnologia e conoscenze e innovazione

d)       funzione canale di comunicazione tra PMI e Commissione

e)       prestazione servizi su altri programmi UE (Orizzonte 2020), comprendenti servizi di consulenza per agevolare PMI a partecipare a programmi UE. Commissione assicura coordinamento delle diverse risorse finanziarie per rete derivanti dai vari programmi

Commissione sostiene azioni volte a migliorare competitività e sostenibilità di PMI in modo da:

a)       rendere più efficaci e coordinate politiche nazionali e regionali a loro favore;

b)       ridurre ed evitare oneri amministrativi e normativi eccessivi (valutazione impatto diritto UE su PMI, sostegno a gruppi di esperti indipendenti, scambio informazioni e buone prassi anche tramite applicazione di test PMI a livello UE e Stati membri);

c)       migliorare elaborazione attuazione, valutazione di politiche a favore di competitività, sostenibilità, anche condividendo buone prassi su gestione di cluster e reti di imprese a livello nazionale e promuovendone a livello transnazionale sviluppo prodotti, tecnologie, servizi e processi sostenibili, uso efficiente di risorse, efficienza energetica, responsabilità sociale delle imprese;

d)       trattare aspetti internazionali di politiche della concorrenza (v. cooperazione tra Stati membri, altri Paesi partecipanti a programma COSME e partner commerciali mondiali di ditte;

e)       migliorare sviluppo politiche nazionali o regionali a favore di PMI, cooperazione tra decisori, valutazioni inter pares, scambio di buone pratiche tra Stati membri, accesso di PMI a programmi e misure di UE;

f)        sostenere azioni intraprese da Stati membri per far emergere industrie competitive con potenziale di mercato, compreso scambio di buone pratiche ed individuazione requisiti di PMI in termini di competenze digitali e formazione al fine di “favorire nuove catene di valore, oltre a sfruttamento commerciale di idee rilevanti per prodotti e servizi nuovi”;

g)       integrare azioni di Stati membri per sviluppare competitività e sostenibilità di PMI “in settori caratterizzati da significativo potenziale di crescita, soprattutto quelli con elevata presenza di PMI” (compreso turismo)

Commissione promuove cultura imprenditoriale, anche riducendo ostacoli per creazione di imprese sostenibili, loro crescita, trasferimento di imprese “secondo possibilità” (re-start), spin off, spin out, con particolare attenzione a nuovi e giovani imprenditori, imprenditoria femminile, gruppi di destinatari specifici. Al riguardo Commissione:

a)       interviene con programmi di mobilità per nuovi imprenditori per migliorare capacità di sviluppare know how, competenze ed atteggiamenti imprenditoriali, potenziare capacità tecnologica, gestione di impresa;

b)       sostiene misure prese da Stati membri per creare e facilitare istruzione, formazione, competenze ed atteggiamenti imprenditoriali

Strumenti di garanzia dei prestiti (LGF) fornisce:

a)       controgaranzie ed altri accordi di condivisione dei rischi per sistemi di garanzia (compresi cogaranzie);

b)       garanzie dirette ed altri accordi di condivisione dei rischi per altri intermediari finanziari che soddisfano criteri di ammissibilità;

LFG, gestito direttamente da Fondo Europeo per Investimenti, comprende:

a)       garanzia per finanziamento mediante prestiti (compreso prestito subordinato, prestito partecipativo, leasing, garanzie bancarie), al fine di ridurre difficoltà di PMI nell’ottenere crediti perché investimenti percepiti come più rischiosi, o perché imprese non dispongono di garanzie reali sufficienti;

b)       cartolarizzazione di portafogli crediti concessi a PMI, che mobilita risorse supplementari per finanziamento di PMI mediante prestito nel quadro di accordi di condivisione del rischio con Istituzioni in questione. Sostegno subordinato ad impegno da parte Istituzioni ad usare parte significativa di liquidità risultante o dei capitali smobilizzati per concessione nuovi prestiti a PMI entro termine ragionevole, il cui importo determinato in base ad importo del rischio di portafoglio garantito e negoziato (insieme a periodo) individualmente con ogni Istituzione.

Salvo prestiti di portafoglio cartolarizzato, LFG copre prestiti fino a 150.000 €, con scadenza minima di 12 mesi e massima di 10 anni. LFG può coprire prestiti superiori a 150.000 €, purché PMI soddisfano criteri di ammissibilità a programma COSME, ma non quelli delle sezioni PMI di strumento prestiti del programma Orizzonte 2020  (scadenza minima sempre 12 mesi)

Intermediari finanziari dimostrano se PMI ammissibile o meno. Ammissibilità nel quadro di LGF determinata per ogni intermediario in base a buone prassi di mercato (in particolare qualità del credito e diversificazione dei rischi di portafoglio), sue attività, efficacia nello aiutare PMI ad accedere a finanziamento per progetti redditizi o per acquisizione di attività materiali ed immateriali, capitale di esercizio e trasferimento di imprese, criteri connessi per cartolarizzazione di portafoglio di crediti concessi a PMI comprendono transazioni individuali, transazioni con più partner, transazioni multinazionali.

LGF strutturato in modo da presentare rendiconto su PMI beneficiarie indicando numero e volume prestiti     

Posted in: