CONCORSO IDEE INNOVATIVE

CONCORSO IDEE INNOVATIVE (D.G.R.M. 7/12/07)  (giovan17)

Soggetti interessati:

Giovani laureandi (hanno chiesto tesi di laurea ed hanno sostenuto almeno 90% esami del corso di studio) o laureato di qualunque tipologia prevista dal sistema universitario (brevi, quadriennali, specialistiche), compresi quelli provenienti da fuori Marche od altre Università, che:

–               non hanno superato 32 anni di età;

–               abbiano sviluppato idee imprenditoriali innovative corredato da business plan, incentrato su idea stessa, “frutto del lavoro del singolo individuo o di un gruppo di individui”;

–               hanno attivato forme di collaborazione con una delle 4 Università marchigiane (Ancona, Macerata, Camerino, Urbino), cioè si avvalgono del supporto dell’Università nello sviluppo della idea imprenditoriale e del relativo progetto di fattibilità

Iter procedurale:

Soggetti interessati possono presentare domanda (Modello riportato su BUR 3/08. Nel caso di gruppi di laureati e/o laureandi indicare capogruppo ed impegnarsi, in caso di costituzione di società, a mantenere maggioranza quote societarie a carico laureati e/o laureandi) entro 11/3/2008 a Servizio Istruzione Formazione e Lavoro, allegando:

1)          relazione tecnica di sintesi della idea imprenditoriale, indicando Università marchigiana che sostiene idea progettuale;

2)          progetto di fattibilità imprenditoriale comprendente:

a)          relazione dettagliata di attività di impresa: vision, business process, business plan, prodotti e servizi da offrire sul mercato, struttura organizzativa prevista indicando eventuale presenza di partenariato in termini di accordo e/o collegamento con Associazioni di categoria o con imprese già costituite;

b)          analisi di settore di attività: cliente-obiettivo, prodotto-servizio, mercato, piano di marketing evidenziare concorrenti all’interno del mercato;

c)          descrizione delle spese e finalità di queste: piano dei costi e ricavi degli investimenti, possibili finanziamenti corredato da elenco delle spese e relativi costi (al netto IVA e ogni onere accessorio) oggetto di contributo;

3)          curriculum del candidato o di singolo componente del gruppo;

4)          copia documento di riconoscimento di candidato o del capogruppo.

Servizio Istruzione:

1)          esegue istruttoria di ammissibilità, accertando che domanda presentata nei termini, comprensiva di documentazione richiesta;

2)          procede a valutazione delle idee progettuali, avvalendosi di Nucleo di Valutazione Progetti;

3)          redige graduatoria ammettendo a finanziamento n. 25 idee progettuali e n.10 start up di impresa o tutoraggio Università. Graduatoria redatta tenendo conto seguenti  punteggi preferenziali:

a)          impatto occupazionale (fino a 4 punti): soggetti attuatori costituiti in gruppo, cioè soggetti candidati che si impegnano a costituire società di impresa (0,5 punti/soggetto fino a 1); dipendente a tempo pieno o parziale di nuova impresa (1 punto/soggetto fino a 3);

b)          presenza di partenariato (fino a 2 punti): presenza di accordi con impresa già costituita (1 punto); presenza di accordi con Associazioni di categoria che intendono supportare start up dei progetti di impresa (1 punto);

c)          tipo di soggetti coinvolti (fino a 4 punti): donne, disabili, disoccupati, occupati non a tempo indeterminato (1 punto/soggetto fino a 4 punti);

d)          grado di affidabilità complessiva del progetto di fattibilità imprenditoriale (fino a 10 punti): grado di innovazione ed originalità (fino a 2 punti); adeguatezza di professionalità coinvolte rispetto a tipo di attività proposta (fino a 2 punti): fattibilità tecnica intesa come adeguatezza di dotazioni tecniche ed organizzative della iniziativa economica (fino a 2 punti); prospettive di mercato e potenzialità competitive (fino a 2 punti); validità economico-finanziaria del progetto da intendersi come capacità iniziativa di generare ricavi validi a coprire costi e garantire redditi e congruità delle spese previste (fino a 2 punti).

A parità di punteggio, priorità a progetti che raggiungono maggiore punteggio nell’impatto occupazionale, poi mantenendo la parità a progetto con maggiore grado di affidabilità;

4)          comunica a beneficiari approvazione progetto ed importo concedibile;

5)          stipula apposita convenzione con beneficiari, nonché con Università coinvolta in fase progettuale per attività di assistenza . Tutoraggio nella fase di start up di impresa in cui specificare:

a)          finalità del tutoraggio: sostenere nuova impresa nel controllo, efficienza della propria attività economica (v. Amministrazione, contabilità, gestione personale), assistere nuova impresa nel miglioramento della produttività, fornire informazioni per avvio ed implementazione di attività;

b)          modalità di assistenza tecnica:

·              nomina di tutor da parte Università entro 7 giorni da stipula convenzione con beneficiario che seguirà nei 12 mesi successivi attività di nuova impresa;

·              scelta del tutor tra professionalità dotati di esperienza qualificata nel settore;

·              elaborazione da parte del tutor di programma di assistenza ad impresa comprendente: informazione su necessità di impresa, perfezionamento di idea imprenditoriale, assistenza tecnica per effettivo start up di impresa;

·              indicazione degli incontri attuati da tutor con nuovi imprenditori (1° incontro entro 7 giorni da sua nomina);

·              relazione inviata ogni 3 mesi da tutor od Università e Regione su attività svolta;

6)          inserisce tutte le candidature presentate in banca dati gestita da Servizio Formazione, in cui riportare sintesi di idea progettuale;

7)          pronuncia decadenza di contributo con obbligo restituzione somme percepite maggiorate di interessi legali ed interessi di mora, in caso di:

a)          attività impresa non avviata entro 6 mesi da concessione contributi, salvo proroga autorizzata

b)          attività di impresa venga a cessare entro 3 anni da data concessione contributo

Entità aiuto:

Per concorso di idee imprenditoriale innovative per anno 2008 stanziati 600.000 EUR di cui:

–               100.000 EUR per idee progettuali imprenditoriali. Ogni idea valutata “come migliore sotto il profilo della originalità e innovazione” riceverà contributo di 4.000 EUR

–               400.000 EUR per start up di impresa. Ogni progetto di fattibilità imprenditoriale valutato come migliore riceverà contributo di 40.000 EUR

–               100.000 EUR per costi di tutoraggio.Progetti di fattibilità imprenditoriali potranno avvalersi in fase di start up dell’assistenza tecnica o tutor di Università coinvolta in fase progettuale per importo di 10.000 EUR.

Ammesse spese di: consulenza investimenti (acquisto di macchinari ed attrezzature anche in forma di leasing, hardware e software), acquisto brevetti o licenze di uso, fidejussione, consulenza tecnica (consulenza fiscale, gestionale, marketing. Escluse consulenze connesse al normale funzionamento impresa)

Ammesse spese documentate di fattura o canoni di leasing pagate nel periodo di riferimento od entro 6 mesi successivi.

Sono escluse:

a)          spese effettuate da persone, società ed imprese con assetti proprietari coincidenti;

b)          acquisti fra persone fisiche, persone, imprese associate o collegate tra loro;

c)          spese ed acquisti da persone con rapporti di parentela fino a 3° grado ed affini (compreso coniuge) valido per tutti i soci di società;

d)          spese  che si configurano come apporto dei soci;

e)          spese connesse ad idee imprenditoriali che hanno beneficiato di aiuti pubblici

Contributi connessi nell’ambito del regime “de minimis”    

 

 

 

 

Posted in: