STRUMENTI ED UNITA’ MISURA

STRUMENTI ED UNITA’ MISURA (D.P.R. 802/82; Legge 266/05; D.Lgs. 22/07)  (commag38)

Soggetti interessati:

Cittadini che debbono eseguire operazioni di carattere commerciale, amministrativo, sanitario ..

Iter procedurale:

A partire dal 1/1/2000 nei documenti commerciali, contabili, nei contratti …. debbono essere utilizzate le nuove unità di misura (v. Contratti di affitto espressi in anni e mesi; fatture espresse in kg.).

A partire dal 1/1/2006 funzioni di vigilanza degli Uffici metrici provinciali su corretta applicazione normativa trasferite alla Camera di Commercio, con conseguente soppressione delle tariffe relative alla verifica degli strumenti di misura.

Fissate con D.Lgs. 22/07 disposizioni relative a strumenti su misura (comprese loro sotto unità, cioè dispositivo hardware che funziona in modo indipendente e costituisce strumento di misura insieme ad altre sotto unità o strumento di misura con cui compatibile) relativi a contatori di acqua, gas, energia elettrica attiva a trasformatori di energia, di calore, misurazione continua e dinamica di quantità di liquidi diversi dall’acqua.

Strumenti per pesare a funzionamento automatico (v. scheda “commag28”), tassametri, misure materializzate, strumenti di misure della dimensione, analizzatori gas di scarico i cui dispositivi sono riportati rispettivamente negli Allegati MI-011, MI-012, MI-013, MI-004, MI-005, MI-006, MI-007, MI-008, MI-009, MI-010 pubblicati su G.U. 64/07.

Strumento di misure e sotto unità deve conformarsi a requisiti riportati in Allegati a D.Lgs. 22/07 ed oggetto di valutazioni separate ai fini accertamento conformità ed applicazione in modo indelebile, chiaramente visibile, di: marcatura CE (sigla CE + simbolo grafico CE avente altezza 5 mm.); marcatura supplementare (lettera M + ultime 2 cifra anno di apposizione) avente stessa altezza di marcatura CE a cui segue; numero di identificazione Organismo notificato. Se strumento di misura composto da insieme di sotto unità, marcatura apposta su dispositivo principale dello strumento. Se strumento troppo piccolo o sensibile per recare marcature, queste apposte su imballaggio o documento di accompagnamento.

Marcature apposte sotto responsabilità del fabbricante unitamente ad altre marcature, purché queste ultime “non riduce visibilità e leggibilità di marcatura CE e marcatura metrologica supplementare e non tragga in inganno terzi relativamente al significato o forma di marcature stesse”.

Strumenti di misura commercializzati e messi in servizio per funzioni di misurazione solo se muniti di marcatura CE e metrologica supplementare. Solo in occasione di fiere, esposizioni, dimostrazioni ammesso uso di strumenti non conformi, purché evidenziata loro non conformità.

Fabbricante fornisce documenti tecnici per valutazione di conformità strumenti di misura ed in particolare per definirne caratteristiche metrologiche, riproducibilità dei risultati misure strumenti prodotti quando sono correttamente tarati, integrità dello strumento. Documento deve fornire descrizione generale dello strumento, schemi di progettazione e fabbricazione, procedure di fabbricazione (anche di sotto unità e componenti), descrizione di eventuali dispositivi elettronici del software logico, modalità di funzionamento dello strumento, soluzioni adottate per soddisfare requisiti essenziali, risultati dei calcoli di progetto e di esami risultati delle prove eseguite per dimostrare conformità dello strumento, attestati di esame CE del tipo o del progetto, posizione di sigilli e marcatura, requisiti di compatibilità con interfacce e sotto unità.

Ministero Sviluppo Economico riconosce Organismi nazionali che inviano richiesta (Modello in Allegato II a D.Lgs. 22/07 pubblicato su G.U. 64/07) di essere notificati per espletare valutazione conformità strumenti misurazione, previa verifica di:

a)       direttore o personale coinvolto nei controlli non è progettista, o fabbricante, o fornitore, installatore od utilizzatore strumenti di misura da ispezionare, né loro mandatari, né aver preso parte a loro progettazione, fabbricazione, commercializzazione, manutenzione, né rappresentare soggetti impegnati in tali attività;

b)       Organismo offre idonee garanzie di autonomia, non conflitto di interesse con soggetto fabbricante o fornitore o installatore o utilizzatore strumenti di misura, né retribuzione personale di Organismo “correlata a numero dei compiti di valutazione di conformità e loro risultati”;

c)       valutazione conformità eseguite con massimo grado di integrità professionale e competenza tecnica in campo metrologico, compreso eventuale appalto a soggetto terzo (conservare documenti di valutazione a disposizione di Ministero);

d)       disponibilità di personale ed impianti idonei ai compiti tecnici ed amministrativi di valutazione delle conformità oggetto di notifica;

e)       imparzialità di direttore e personale, il cui compenso “forfetario ed onnicomprensivo, fissato indipendentemente da risultati e compiti svolti”;

f)        stipulata assicurazione per responsabilità civile;

g)       obbligo per direttore e personale di mantenere segreto professionale su informazioni acquisite nell’esercizio delle loro funzioni

Organismi riconosciuti notificati ad altri Stati membri e Commissione Europea insieme a numeri di identificazione da questa assegnati, tipi di strumenti di misura per cui Organismo notificato, classe di accuratezza dello strumento, intervallo e tecnologia.

Ministero procede a controlli periodici per accertare mantenimento dei suddetti requisiti da parte Organismo e ritira notifica se accerta perdita dei suddetti requisiti. A tal fine mantiene contatti con Commissione Europea ed altri Stati membri e può vietare o limitare commercio ed utilizzo di strumento di misura con marcatura CE e marcatura metrologica supplementare che non soddisfa requisiti di cui al D.Lgs. 22/07, anche se correttamente installato ed usato, adottando idonee misure per ritirarlo dal mercato.

Strumento di misura conforme se rispetta a tutti i requisiti riportati in Allegati a D.Lgs. 22/07. Se ne rispetta solo parte è conforme ai soli requisiti esenziali corrispondenti. Fabbricante può adottare ogni soluzione tecnica conforme a requisiti essenziali ed avvalersi di presunzione di conformità se risultati delle prove effettuate garantiscono conformità a requisiti essenziali

Ministero provvede ad aggiornamenti e modifica dei requisiti riportati in Allegato a D.Lgs. 22/07, sentito Comitato centrale metrico, e definisce criteri per esecuzione dei controlli metrologici su strumenti di misura dopo loro immissione in servizio

Commercio e messa in servizio di strumenti di misura omologati prima di 30/10/2006, continuano ad essere validi fino a scadenza validità omologazione e se questa durata indefinita fino a 30/10/2016 anche senza essere sottoposti a controlli se questi non previsti nella passata legislazione, purché non rimossi dal luogo di utilizzo.                                

Sanzioni:

Non rispetto delle norme di cui al D.P.R. 802/82: annullamento contratto, documento commerciale + multa da 250 a 750 €

Se accertata indebita marcatura CE e marcatura metrologica supplementare: Ministero Sviluppo Economico assegna a fabbricante termine per rendere strumento conforme. Se non conformità previste, Ministero limita o vieta commercio od uso di strumento in questione e ne provvede al ritiro dal mercato.

Chiunque commercializza o mette in servizio strumenti di misura privi di marcatura CE, od Organismi notificati che consentono applicazione di marcatura a strumenti di misura non conformi: sanzione da 500 a 1.500 €/strumento non conforme.