SCIROPPO INULINA (Reg

QUOTE ZUCCHERO (Reg. 769/06, 952/06, 1234/07)   (bietol01)

Soggetti interessati:

Chiunque produce zucchero bianco o greggio od invertito, sciroppo di saccarosio o di zucchero invertito con purezza almeno 70% da barbabietola da zucchero (75% se da canna da zucchero), isoglucosio, sciroppo di inulina. Da considerare che zucchero estratto da barbabietola seminata nella campagna è imputato a campagna commercializzazione successiva.

Produzione sempre espressa in zucchero bianco nel modo seguente:

–          per zucchero bianco senza tenere conto della differenza di qualità;

–          per zucchero greggio in funzione del suo rendimento;

–          per zucchero invertito applicando coefficiente 1;

–          per sciroppi in funzione del tenore di zucchero estraibile (calcolato sottraendo dal grado di polarizzazione dello sciroppo il prodotto della moltiplicazione del coefficiente 1,70 x differenza tra tenore di sostanza secca e grado di polarizzazione sciroppo, oppure in base al rendimento reale degli sciroppi);

–          per sciroppi prodotti a partire da zucchero invertito in funzione del loro tenore in zucchero determinato per cromatografia liquida ad alta risonanza. Percentuale di purezza degli sciroppi calcolato dividendo tenore totale di zuccheri per tenore di sostanze secche, determinato con metodo rifrattometrico, e moltiplicando risultato per 100;

–          per zucchero spazzato di recupero a fine campagna in funzione suo tenore in saccarosio.

Produzione di isoglucosio è data da quantità di prodotto ottenuto da glucosio avente tenore in peso allo stato secco di almeno 10% di fruttosio espresso in sostanza secca e constatato “all’uscita del processo di isomerizzazione” e prima di qualsiasi operazione di separazione tra fruttosio e glucosio, od operazione di miscelatura. Impianto usato per isomerizzazione del glucosio e suoi polimeri dichiarato a Stato membro di ubicazione..

Produzione di sciroppo di inulina è dato da quantità di prodotto ottenuta “previa idrolisi di inulina o di oligofruttosi” avente tenore in peso allo stato secco di almeno 10% di fruttosio, sotto forma libera o di saccarosio con purezza di almeno 80%, “espresso in sostanza secca equivalente zucchero/isoglucosio e rilevata mediante:

1)       conteggio del volume di prodotto “subito dopo uscita dal primo evaporatore dopo ciascuna idrolisi e prima di qualunque operazione di separazione fra glucosio e fruttosio”;

2)       determinazione tenore sostanza secca con metodo rifrattometrico e misurazione del tenore di fruttosio in peso allo stato secco (Prelievo giornaliero di campioni);

3)       conversione del tenore in fruttosio a 80% in peso allo stato secco (Applicare a sostanza secca coefficiente che rappresenta rapporto tra tenore in fruttosio misurato nello sciroppo a 80%);

4)       espressione in equivalente zucchero/isoglucosio mediante applicazione coefficiente 1,9.

Imprese debbono dichiarare ogni impianto utilizzato per idrolisi di inulina, nonché quantitativi annui ed utilizzo di prodotti con purezza inferiore a 70%. Stato membro può chiedere ulteriori informazioni per evitare che sciroppo di inulina usato come edulcorante destinato a consumo umano.

Escluso dal calcolo della produzione di zucchero:

·         quantità di zucchero bianco prodotta da zucchero bianco, da zucchero greggio o da sciroppi che non sono stati prodotti nell’impresa che fabbrica zucchero bianco;

·         quantità di zucchero bianco, prodotta da zucchero bianco, zucchero greggio, sciroppi, zucchero spazzato di recupero non ottenuto nella stessa campagna in cui fabbricato zucchero bianco;

·         quantità di zucchero bianco o greggio trasformato in zucchero bianco durante campagna da impresa che lo ha prodotto;

·         quantità di zucchero invertito prodotto o meno con sciroppi non ottenuti dall’impresa o nella stessa campagna;

·         quantità di sciroppo trasformata in zucchero o zucchero invertito nell’impresa;

·         quantità di zucchero invertito e sciroppi prodotti in regime di traffico di perfezionamento

Iter procedurale:

Per ogni campagna CE stabilisce bilancio comunitario di approvvigionamento di zucchero, isoglucosio, sciroppo di inulina. A tal fine Stati membri comunicano a Commissione

1)       entro 1 Marzo produzione provvisoria di zucchero e sciroppo di inulina della campagna in corso per ogni impresa situata nel territorio

2)       entro 30 Giugno superfice e produzione di barbabietola destinata alla produzione di zucchero, bioetanolo, cicoria destinata alla produzione di sciroppo di inulina per campagna in corso e a titolo previsionale per campagna successiva

3)       entro 30 Novembre produzione definitiva di zucchero, isoglucosio, sciroppo di inulina di campagna precedente per ogni impresa situata nel territorio. Da tener presente che produzione totale di impresa nella campagna è data da:

a)       produzione di zucchero, isoglucosio, sciroppo di inulina ottenuta nella campagna in oggetto;

b)       quantità di zucchero, isoglucosio, sciroppo di inulina riportata a tale campagna e diminuita della quantità di tali prodotti riportati alla campagna successiva;

c)       quantità di zucchero, isoglucosio, sciroppo di inulina prodotta da trasformatori entro contratti di lavorazione per conto terzi, diminuita di quantità prodotta da impresa per conto di committenti nell’ambito di contratti di lavorazione per conto terzi (Zucchero prodotto in conto lavorazione terzi è di competenza del committente, se inviata richiesta da parte entrambe le imprese a Stato membro e se produzione totale del trasformatore è inferiore a sua quota o se produzione totale di trasformatore e committente è superiore alla somma delle rispettive quote);

d)       se risultato delle quantità precedenti superiore a quota assegnata, produzione stimata in base ai contratti di consegna conclusi con imprese produttrici  

Sulla base di tali dati, CE fissati per campagne 2009/10 e 2010/11 per singolo Stato membro quote di produzione per zucchero, isoglucosio, sciroppo di inulina (per Italia per campagna 2010/11 pari a 508.379 t. di zucchero e 32.492,5 t. di isoglucosio). Stati membri sono tenuti ad adeguare la quota assegnata ad ogni impresa “stabilita nel territorio ed accreditata”, ad un livello pari a quota A e B detenuta alla stessa nella campagna 2005/06. Se impresa possiede più stabilimenti nel territorio nazionale, Stato membro “adotta le misure necessarie per tenere adeguatamente conto degli interessi dei produttori di barbabietole”.

Stato membro può ridurre, in base a “criteri obiettivi e non discriminatori”, quota di zucchero od isoglucosio assegnata ad impresa nella misura del 10% a partire da campagna 2008/09, nonché trasferire quote tra le imprese “tenendo in considerazione in particolare interessi dei produttori di barbabietole” a favore di “una o più imprese stabilite nel suo territorio che detengono o meno quote”  

Trasferimenti di quote di zucchero od isoglucosio definite entro 28 Febbraio e comunicate a CE entro 15 giorni successivi, a seguito di:

1)       fusione di imprese: assegnata ad impresa risultante una quota pari alla somma della quota assegnata alla singola impresa partecipante alla fusione;

2)        cessione di impresa: assegnata ad impresa cessionaria quota dell’impresa ceduta (In caso di più imprese cessionarie, assegnazione attuata in proporzione ai quantitativi di zucchero assorbiti da ciascuna);

3)       cessione od affitto di uno stabilimento: diminuita quota detenuta da impresa cedente od incrementata quota di impresa subentrante in proporzione alla produzione assorbita. Se affitto termina entro 3 campagne, adeguamento della quota è nullo sin dalla “data in cui ha preso effetto”, salvo caso di forza maggiore.

Quote assegnate tradotte in Italia in contratti di fornitura sottoscritti tra impresa produttrice di zucchero e venditore di barbabietole entro 1 Aprile

Se parte dei produttori dichiarano di voler consegnare barbabietole a determinata impresa, Stato membro può anche assegnare partite della quota corrispondente alle barbabietole in causa alla suddetta impresa. In tal caso Stato membro chiede che nell’accordo  interprofessionale sottoscritto tra produttori e trasformatori venga aggiunta una clausola attestante destinazione delle barbabietole.

Se una o più imprese non in grado di rispettare normativa comunitaria vigente sulle barbabietole, o consentito a questa di trasformare barbabietola in alcole etilico, Stato membro può assegnare “per una o più campagne relative quote residuali ad una o più imprese proporzionalmente ai quantitativi assorbiti”

Se fusione o cessione avvenuta nel periodo 1 Ottobre – 30 Aprile, trasferimento quota applicata da campagna in corso, mentre se fusione o cessione avvenuta nel periodo 1 Maggio – 30 Settembre trasferimento quote produce effetti da campagna successiva.  

Fabbricante di zucchero o raffineria accreditata comunica a Stato membro:

–          entro giorno 20 di ogni mese quantitativo di zucchero o sciroppi (Espressi in zucchero bianco) di loro proprietà e giacenti “in libera pratica” nel territorio CE nel mese precedente ripartiti in zucchero prodotto da impresa (specificare quantità in quota e fuori quota, compresa quello eventualmente destinato a campagna successiva) ed altri zuccheri;

–          entro 1 Febbraio quantità di zucchero prodotto in eccesso rispetto a quota assegnata;

–          entro la fine dei mesi successivi “adeguamenti della produzione effettuati nel corso del mese precedente”;

–          entro 30 Aprile prezzo medio di vendita e di acquisto, nonché quantitativo di zucchero bianco e di zucchero bianco fuori quota venduto od acquistato nei 3 mesi precedenti (Prezzo riferito a zucchero bianco alla rinfusa, franco fabbrica della qualità tipo). Esonerati da comunicazione trasformatori con acquisti annui inferiori a 2.000 t.

Stato membro comunica:

–          a Commissione tecnica per pagamento prelievo unico da eseguirsi entro 10 giorni da definizione termine stesso. Importo dovuto comunicato ad imprese almeno 1 mese prima di scadenza (Entro 30 Novembre per imprese produttrici di isoglucosio);

–          ad imprese produttrici di zucchero ed isoglucosio accreditate entro 31 Gennaio importo della tassa su produzione dovuta per campagna in corso;

–          entro 1 Maggio successivo a campagna commercializzazione, prelievo totale da pagare entro 1 Giugno per zucchero, isoglucosio, sciroppo di inulina in eccesso rispetto alla quota assegnata nella campagna. Eseguito pagamento quantitativo si intende smerciato sul mercato comunitario

–          entro 30 Giugno a Commissione CE totale delle eccedenze e prelievi percepiti per campagna precedente.

Produzione di zucchero, isoglucosio, sciroppo di inulina non soggetta a prelievo se:

1)       destinata entro 30 Novembre a trasformatore per essere utilizzato in prodotti industriali (v. scheda “bietol16”);

2)        riportata, in tutto od in parte, alla quota di produzione della campagna di commercializzazione successiva (compresi quantitativi precedentemente riportati a tale campagna o ritirati dal mercato) alle condizioni di riporto fissate in accordo interprofessionale, in cui specificato: quantitativo di barbabietole da zucchero corrispondente al quantitativo di zucchero da riportare e la ripartizione di questo tra i bieticoltori; prezzo da pagare a bieticoltori almeno pari al prezzo minimo ed alle condizioni applicabili alle barbabietole consegnate entro quota. Di tale decisione imprese informano Stato membro entro 15 Aprile (30 Giugno in caso riporto di zucchero di canna. In deroga Reg. CE 848/10 consente di posticipare tale comunicazione al 15/8/2011 per campagna 2010/11) e si impegnano ad immagazzinare a proprie spese quantitativi di zucchero da riporto fino alla fine della campagna di commercializzazione in corso. MI.P.A.F. comunica a Commissione CE entro 1 Maggio quantitativo di zucchero di barbabietola e sciroppo di inulina (entro 15 Luglio quantitativo zucchero di canna, entro 15 Novembre quantitativo di isoglucosio) da riportare nella campagna successiva. Se produzione definitiva della campagna è inferiore a quella stimata al momento della decisione di riporto, entro 31 Ottobre campagna successiva quantitativo riportato può essere adeguato “con efficacia retroattiva”. Quantitativi riportati sono considerati i primi quantitativi prodotti nella campagna successiva e quota campagna in corso ridotta della quota riportata;

3)       fornita entro 31 Dicembre campagna successiva entro regime speciale di approvvigionamento Regioni ultraperiferiche sulla base di un contratto di vendita diretta tra fabbricante di zucchero ed operatore iscritto in registro della Regione ultraperiferica, contenente dichiarazione del fabbricante attestante quantità di materie prime eccedenti fornite e dichiarazione dell’operatore attestante che fornitura in questione avviene entro regime speciale di approvvigionamento;

4)       esportata entro 31 Dicembre campagna commercializzazione successivo con titolo esportazione senza restituzione. Esportazione si considera avvenuta qualora:

a)       dichiarazione di esportazione accettata da Paese di destinazione entro 1 Gennaio campagna successiva a quando materia prima eccedente prodotta;

b)       fabbricante ha presentato ad AGEA entro 1 Aprile successivo a campagna in cui eccedenza prodotta: titolo di esportazione rilasciato, documenti necessari per svincolo della cauzione, dichiarazione attestante che quantitativi esportati contabilizzati come eccedenze;

5)       distrutti od avariati senza essere recuperabili “in circostanze riconosciute da Stato”. Se in caso di forza maggiore operazioni non effettuate nei termini previsti, AGEA adotta misure necessarie “in funzione delle circostanze invocate da interessato”

Imprese produttrici di isoglucosio e sciroppo di inulina accreditate comunicano ad AGEA entro 30 Novembre quantità di isoglucosio (Espresso in sostanza secca) e sciroppo di inulina (espresso in zucchero bianco) di proprietà giacente a fine campagna precedente, ripartita in isoglucosio e sciroppo di inulina in quota o fuori quota o altri prodotti. MI.P.A.F. comunica a Commissione CE entro 31 Dicembre quantità di isoglucosio e sciroppo di inulina giacente a fine campagna precedente. Impresa comunica entro 15 di ogni mese quantità di isoglucosio (Espresso in sostanza secca) prodotta nel mese precedente. MI.P.A.F. comunica a Commissione CE entro 2° mese successivo quantità di isoglucosio prodotta da ogni impresa nel mese precedente.

MI.P.A.F. esegue controlli su almeno 5% dei quantitativi di zucchero riportati o destinati al regime speciale di approvvigionamento delle Regioni ultraperiferiche od all’esportazione. MI.P.A.F. entro 30 Marzo successivo alla campagna interessata invia a Commissione CE relazione sui controlli effettuati, specificando carenze riscontrate, provvedimenti presi, sanzioni comminate. Stati membri si prestano assistenza reciproca per garantire efficacia controlli.  

Entità aiuto:

Commissione Europea comunica ogni mese prezzi medi di zucchero bianco rilevati nel corso del 3° mese precedente

Prelievo per quantitativo di zucchero, isoglucosio, sciroppo di inulina fuori quota fissato in 500 €/t.

Imprese che non riescono interamente a destinare ad opportunità di cui sopra produzione in eccesso, debbono versare il prelievo di cui sopra sulla quota residuale.    

  

Posted in: