REGIONE E CCIAA PER TURISMO

REGIONE E CCIAA PER TURISMO (D.G.R. 21/5/19)  (turism23)

Soggetti interessati:

Regione e Camera di Commercio Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche (CCIAA)

Iter procedurale:

Sottoscritto con D.G.R. 608 del 21/5/2019 un Protocollo di intesa tra Regione Marche e CCIAA (definite Parti) per realizzare attività, progetti, servizi (con specifico riferimento alla qualità del patrimonio ricettivo regionale) ai fini del rilancio economico del settore turistico regionale, sua valorizzazione e relativo incremento occupazionale. Al riguardo le Parti si impegnano, anche in collaborazione con Enti territoriali interessati ed Associazioni di categoria rappresentative a:

a)elaborare standard di qualità delle strutture ricettive che intendono aderire (su base volontaria e senza oneri per richiedente) al marchio di qualità denominato “Ospitalità italiana – Regione Marche”, creando una rete di servizi di qualità

b)aumentare interesse degli operatori turistici verso qualificazione delle proprie strutture, stimolandoli ad un approccio consapevole con cultura della qualità dei servizi offerti

c)individuare priorità per la concessione di incentivi finanziari volti a riqualificare strutture ricettive

Realizzazione del marchio “Ospitalità italiana – Regione Marche” prevede la istituzione di un’apposita Commissione, composta da: Dirigente del Servizio regionale turismo (in qualità di Presidente); Segretario generale di CCIAA; rappresentanti per ogni Associazione di operatori turistici rappresentativa a livello regionale/provinciale. Commissione si avvale del supporto tecnico del rappresentante della società di CCIAA specializzata in ricerche turistiche. Commissione ha il compito di programmare, coordinare, controllare attività relative al Protocollo, compreso l’esame delle schede di valutazione compilate a seguito delle visite di esperti per l’acquisizione del marchio, tenendo conto dei criteri approvati dalla Commissione stessa

CCIAA si impegna a realizzare il progetto marchio “Ospitalità italiana – Regione Marche” attraverso le seguenti fasi: preparazione delle schede e criteri di valutazione; azione di sensibilizzazione degli operatori sugli aspetti della qualità; visita alle strutture ricettive, con loro relativa valutazione; predisposizione degli attestati (format, loghi, intestazioni); azioni e strumenti promozionali; azioni di supporto

Regione si impegna a coordinare il progetto e le sue fasi attuative attraverso Commissione Disciplinare nazionale “Ospitalità italiana” (punto di riferimento a livello locale per applicazione del marchio) che potrà essere integrata dalla Commissione per le specificità regionali (al riguardo tenere conto delle diverse tipologie ricettive presenti nelle Marche e dei requisiti di professionalità degli operatori che “diventano elementi integranti e sostanziali per la concessione del marchio”), “purché non in contrasto con gli standard nazionali”

Le Parti si impegnano a promuovere mediante azioni di comunicazione mirate sui mercati nazionali ed esteri “l’eccellenza dell’offerta delle strutture ricettive che hanno ottenuto il marchio” (da inserire nella promozione di eventi ed itinerari turistici culturali di valore nazionale ed internazionale)

Entità aiuto:

Protocollo di intesa prevede un costo di 80.000 € da sostenere di comune accordo tra le Parti. Risorse finanziarie della Regione (40.000 €) trasferite a CCIAA a seguito della presentazione di idonea documentazione di spesa attestante l’avvenuta realizzazione delle iniziative previste

Posted in: