ISMEA

ISMEA (Legge 296/06, 221/12, 190/14, 208/15, 154/16, 225/16; D.P.R. 278/87, 200/01; D.Lgs. 102/04; D.M. 22/6/04, 8/5/12)    (enti08)

Soggetti interessati:

Ministero Politiche Agricole Agroalimentari e Forestali (MIPAAF), Ministero Economia e Finanze (MEF) operatori del settore agricolo, agroalimentare, forestale, ittico.

 

Iter procedurale:

Istituito “Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare” (ISMEA), quale Ente pubblico autonomo, posto sotto la vigilanza di MIPAAF.

ISMEA opera nel settore agricolo, forestale, pesca, acquacoltura, alimentazione, svolgendo funzioni riguardanti:

  1. rilevazione, elaborazione, diffusione di dati ed informazioni riguardanti produzioni, consumi, mercati agricoli, forestali, ittici ed alimentari, anche ai fini dell’attuazione degli adempimenti derivanti da normativa comunitaria e da Sistema statistico nazionale. Rilevazione dati in Italia e UE messi a disposizione di operatori e di “quanti svolgono attività di programmazione, monitoraggio, valutazione di intervento pubblico” in tali settori;
  2. servizi e supporti informativi finalizzati a: trasparenza di mercato; organizzazione di produzioni agricole per adattarle a domanda e riduzione costi di produzione; promozione e commercializzazione delle produzioni agro-alimentari; integrazione della filiera produttiva; stipula accordi interprofessionali; riconoscimento organismi nazionali di vigilanza e certificazione;
  3. compiti di Organismo fondiario ai fini di ricomposizione fondiaria, compresa prestazione di garanzie fideiussorie in operazioni di credito agevolato e concessione di finanziamenti agevolati per interventi di miglioramento agrario. A tal fine ISMEA subentra a Cassa per formazione proprietà contadina, di cui assume compiti;
  4. assistenza tecnica e finanziaria per iniziative di innovazione tecnologica, orientamento e riconversione colturale con produzioni alternative, valorizzazione ambiente;
  5. gestione ed attuazione azioni volte a favorire privatizzazione terreni pubblici suscettibili di uso agricolo;
  6. predisposizione, gestione, valutazione, monitoraggio, assistenza tecnica e verifica dei risultati di programmi di intervento UE, nazionali e regionali;
  7. partecipazione a forme di programmazione negoziata;
  8. stipula accordi di collaborazione con Amministrazioni, Enti, Associazioni ed altre persone giuridiche pubbliche e private, nazionali od internazionali per “svolgimento attività di particolare rilievo”;
  9. acquisizione, in base a D.M. 08/05/12, delle informazioni relative a singole polizze assicurative quali: campagna assicurativa di riferimento; tipologia di polizza; evento avverso assicurato; prodotto assicurato; riferimento territoriale (Regione, Provincia, Comune); valore assicurato e quintali assicurati; premio totale e contributo pubblico erogato; sinistri pagati; quintali danneggiati e risarciti; franchigie e soglia; perizie georeferenziate. MI.P.A.A.F. effettua controlli incrociati sui dati relativi a perizie con altri elementi presenti in banca dati al fine di accertare regolarità operazioni di perizia;
  10. gestione, a partire da 1 Gennaio 2005 in base alla Legge 311/04, del Fondo interbancario di garanzia per favorire accesso al credito delle imprese agricole ed agroalimentari
  11. acquisizione dagli Organismi pagatori di crediti certificati nei confronti di agricoltori nell’ambito del regime pagamenti diretti PAC, purché beneficiario manifesta “volontà di cessione nella domanda unica presentata”. Ai fini del recupero crediti ammessa compensazione da effettuarsi, alla data di cessione del credito ad ISMEA, con contributi previdenziali dovuti da impresa agricola “già scaduti alla data del pagamento di aiuti medesimi, compresi interessi di legge”;
  12. incorporazione, in base alla Legge 208/15, della società Istituto Sviluppo Agroalimentare (ISA) e della Società Gestione Fondi per Agroalimentare (SGFA), la cui registrazione va richiesta ad Ufficio registro delle imprese, senza pagamento di tasse o imposte dirette od indirette. A partire dal 01/01/2016 ISMEA subentra nei compiti affidati ad ISA e SGFA
  13. accesso per proprie attività istituzionali ad anagrafe delle aziende agricole ed al fascicolo aziendale elettronico
  14. esecuzione, in base ad art. 20 di Legge 154/16, di interventi finanziari agevolati “o a condizioni di mercato” in:
  • società (anche cooperative e con scopo di lucro) “economicamente e finanziariamente sane”, operanti nella produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, pesca ed acquacoltura compresi in Allegato I del Trattato, nonché beni prodotti nell’ambito di attività agricole
  • società, il cui capitale è posseduto per almeno 51% da imprenditori agricoli, o cooperative agricole a mutualità prevalente e loro consorzi, o Organizzazioni produttori riconosciuti, o cooperative i cui soci sono in maggioranza imprenditori agricoli, “economicamente e finanziariamente sane”, operanti nella distribuzione e logistica (anche su piattaforma informatica) dei prodotti agricoli, pesca ed acquacoltura compresi in Allegato I del Trattato.

Nel caso applicate condizioni di mercato, ISMEA opera solo come socio  di minoranza sottoscrivendo aumenti di capitale, o prestiti obbligazionari, o strumenti finanziari partecipativi. A tal fine ISMEA stipula accordi, dove gli altri soci o soggetti terzi si impegnano a riscattare, al valore di mercato vigente al termine del piano di intervento, le partecipazioni da questa acquisite.

Nel caso di intervento  agevolato, ISMEA eroga mutui di durata massima di 15 anni secondo modalità definite da MIPAAF, previa approvazione di tale regime di aiuto da parte di Commissione Europea.

Sono organi di ISMEA:

  • Presidente, che ne ha rappresentanza legale, esegue delibere del Consiglio ed in caso di urgenza provvede ad adottare atti, da sottoporre a ratifica nella prima seduta successiva del Consiglio. In caso di assenza od impedimento, le sue funzioni sono svolte da Vice Presidente
  • Consiglio di Amministrazione, con poteri di programmazione, indirizzo, controllo. Consiglio è composto da 4 membri + Presidente, nominati da MI.P.A.A.F., che si riuniscono almeno 1 volta al mese, deliberando a maggioranza dei presenti. Consiglio delibera su bilancio di esercizio ISMEA entro 30 Aprile anno successivo (Ammesse proroghe, comunque non oltre 30 Giugno) e lo trasmette entro 20 giorni a MI.P.A.A.F. e MEF
  • Collegio sindacale, composto di 3 membri effettivi e 2 supplenti, nominati da MI.P.A.A.F., con il compito di esercitare attività di controllo su ISMEA
  • Dirigente generale ed uffici dirigenziali, nel numero massimo di 12, compreso ufficio del personale ed ufficio per le relazioni pubbliche.

Componenti organi di ISMEA durano in carica 4 anni (sono rinnovabili una sola volta), ed hanno compensi fissati con decreto da MI.P.A.A.F. Per gravi e motivate ragioni di interesse pubblico, MI.P.A.A.F. può sciogliere Consiglio di amministrazione e nominare un Commissario straordinario, come effettivamente avvenuto con Legge 280/15.

Commissario Straordinario dura in carica 1 anno (prorogabile per motivate esigenze 1 sola volta) ed assume in tale periodo tutte le funzioni ed i poteri del Presidente e del Consiglio di amministrazione, con il compito in particolare di:

  1. definire nuovo statuto di ISMEA
  2. predisporre un piano triennale per il “rilancio, razionalizzazione e sviluppo di attività finalizzate a favorire: finanziamento degli investimenti ed accesso al credito ed al mercato dei capitali da parte delle imprese agricole ed agroalimentari ed alla gestione del rischio; politiche per internazionalizzazione, promozione, competitività ed innovazione tecnologica, anche finalizzata alla tracciabilità dei prodotti; filiere agricole ed agroalimentari; start up e reti di impresa; attività di monitoraggio dei prezzi dei prodotti agricoli e dei costi dei fattori di produzione; analisi andamento congiunturale di economia agricola, agroalimentare e delle filiere”
  3. definire interventi per incrementare efficienza organizzativa ed economica di Istituto, al fine di ridurne la spesa di almeno 10%
  4. adottare bilanci di chiusura delle disciolte società ISA e SGFA, se Organi compenti non vi hanno provveduto entro 28/02/2016, fermo restando loro responsabilità giuridica

ISMEA è soggetto al controllo della Corte dei Conti e di MI.P.A.A.F., a cui compete di approvare statuto, regolamento interno di amministrazione e di contabilità, bilancio annuale, programma di attività pluriennale.

 

Entità aiuto:

Costituiscono entrate per ISMEA:

  • finanziamenti UE;
  • rendite del proprio patrimonio;
  • corrispettivi per cessione dei servizi. In base a Legge 280/15, ISMEA versa 1.000.000 €/anno a bilancio di Stato;
  • eventuali altri contributi di Stato, Regioni, altri Enti pubblici o privati;
  • eventuale emissione di obbligazioni sul mercato;
  • proventi conseguenti atti di liberalità.

Risorse destinate a “costituire una forma di garanzia creditizia, finanziaria, assicurativa e riassicurativa, nonché a concedere finanziamenti a favore delle imprese agricole”,

In base a D.Lgs. 102/04, come modificato da Legge 190/14, ISMEA può concedere:

  • garanzie, a fronte di:
  1. finanziamenti a breve, medio, lungo termine, nonché di transazioni commerciali a favore delle imprese operanti nel settore agricolo, agroalimentare e della pesca concessi da banche, o da intermediari finanziari iscritti in Elenco speciale, o da altri soggetti autorizzati all’esercizio del credito agricolo
  2. titoli di debito emessi da imprese operanti nel settore agricolo, agroalimentare e della pesca ed acquistati da Organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR), le cui quote/azioni sono collocate esclusivamente presso investitori qualificati che non siano (direttamente od indirettamente) soci della società emittente;
  • garanzie dirette a banche e intermediari finanziari iscritti in Elenco speciale, o a fondi chiusi di investimento mobiliare, a fronte di prestiti partecipativi e partecipazioni nel capitale delle imprese medesime assunti da questi
  • controgaranzie e cogaranzie, in collaborazione con CONFIDI, o con altri fondi di garanzia, pubblici e privati, anche a carattere regionale, avvalendosi anche di finanziamenti erogati in materia di aiuti di Stato
  • garanzie mutualistiche per operazioni  di credito agrario,  “salvo che per quota di finanziamento assistita dalle garanzie precedenti”

Tali garanzie possono essere assistite da garanzia di Stato, secondo quanto disposto da MEF. ISMEA può esercitare attività di assunzione del rischio per le suddette garanzie, anche tramite una propria società di capitale dedicata, nel rispetto  della normativa sulla “separatezza dei patrimoni”. Al riguardo ISMEA invia relazione annuale al Parlamento.

In base a D.M. 22/06/04 istituito presso ISMEA, “Fondo di investimento nel capitale di rischio”.

In base a Legge 221/12 istituito presso ISMEA, Fondo mutualistico nazionale per stabilizzazione dei redditi delle imprese agricole, composto dai contributi volontari di agricoltori, i quali possono beneficiare al riguardo di contributi pubblici compatibili con normativa UE in materia di aiuti di Stato.

Compensi di Commissionario straordinario e sub Commissari (compenso sempre inferiore a 80% di quello del Commissario), previsti da Legge 280/15, sono fissati da MIPAAF, in misura comunque inferiore a 50% della spesa cumulativa prevista per organi statutari di ISMEA.

Legge 225/16 art. 13 autorizza la spesa di 30.000.000 € per anno 2016 da parte di ISMEA per la concessione di garanzie a favore di imprese agricole, nel limite del regime “de minimis” agricolo (cioè 15.000 € complessivi percepiti di aiuto in 3 anni).

Posted in: