FLAG

FLAG (DGR 18/07/16, 2/5/17; DDS 28/10/2016)      (pesca33)

Soggetti interessati:

Soggetti pubblici e privati, rappresentanti di interessi economici locali che intendono costituire un piano di azione locale denominato FLAG (Fisheries Local Action Groups), al fine di:

a) migliorare politiche a favore di aree costiere (in particolare quelle in via di spopolamento)

b) promuovere maggiore qualità della progettazione locale

c) promuovere partecipazione di comunità locali ai processi di sviluppo, contribuendo a rafforzare dialogo tra società civile ed Istituzioni locali

d) promuovere coordinamento tra politiche, strumenti di governance, procedure per accedere a finanziamenti UE

e) sostenere sviluppo di capacità, formazione e creazione di reti, allo scopo di elaborare strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo (CLLD)

purché in possesso dei seguenti requisiti:

  • presenti nel FLAG in modo equilibrato settore privato/pubblico e società civile della zona interessata, con “rappresentazione significativa dei settori della pesca e/o acquacoltura e/o settore di trasformazione e commercializzazione di prodotto ittico ed acquacoltura”, facendo comunque in modo che né Autorità pubbliche, né alcun gruppo di interesse privato rappresenti oltre 49% di aventi diritto al voto
  • adesione a FLAG delle aree territoriali riportate in Allegato a DGR 783 del 18/07/2016 pubblicato su BUR 89/16, in modo da costituire un insieme omogeneo sotto il profilo geografico, economico, sociale con popolazione compresa tra 10.000 e 150.000 abitanti. Possibili deroghe (comunque non oltre 200.000 abitanti) in caso di territori ad alta densità abitativa (cioè oltre 150 abitanti/kmq) o includenti territori conterminiai fini di una più efficace specificazione di strategie CLLD. Area delimitata ricadente in 1 solo FLAG caratterizzata da:

1)       rapporto tra occupati nella pesca ed acquacoltura (compresi quelli in attività connesse) rispetto ad occupati totali della zona almeno pari a 2%

2)       presenza di almeno 1 approdo per pesca, e/o luogo di sbarco per pesca, e/o sito portuale peschereccio attivo, e/o valore della produzione ittica rilevante

3)       riduzione della flotta di pesca superiore a 10% rispetto a 2007, in termini di GT o di potenza motore (kw), e/o riduzione del valore della produzione superiore a 10% rispetto a 2007

4)       densità di popolazione pari o inferiore a media regionale

5)       tasso di disoccupazione pari o superiore a media regionale

  • possesso di adeguata capacità amministrativa e finanziaria, per la gestione delle attività previste, dimostrata in termini di: risorse umane (interne ed esterne); modalità organizzative interne; modalità di coinvolgimento della comunità locale a livello di eventi; strumenti e metodologie innovative azione di comunicazione ed informazione

Iter procedurale:

Giunta Regionale con DGR 783 del 18/07/16 ha approvato bando per selezionare “strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo” (CLLD).

Soggetti interessati presentano a Regione nei termini fissati progetto FLAG comprendente:

  • definizione del territorio e popolazione interessata ad esso
  • analisi delle esigenze di sviluppo e potenzialità del territorio, compresa analisi dei punti di forza, debolezza, opportunità e minacce
  • descrizione di: caratteristiche integrate ed innovative di strategia; gerarchia di obiettivi; indicazione di target misurabili per valutazione dei risultati (target espressi in termini quantitativi e qualitativi).

Strategia concentrata su un massimo di 3 ambiti di intervento da scegliere tra i seguenti:

a) sviluppo ed innovazione della filiera e sistemi produttivi locali (agroalimentari, artigianali, manifatture di produzioni ittiche)

b) sviluppo della filiera di energia rinnovabile (produzione e risparmio di energia)

c) turismo sostenibile

d) cura e tutela del paesaggio, uso del suolo, biodiversità (animale e vegetale)

e) valorizzazione e gestione delle risorse ambientali e naturali

f) valorizzazione di beni culturali e del patrimonio artistico legato al territorio

g) accesso ai servizi pubblici essenziali

h) inclusione sociale di specifici gruppi svantaggiati e/o marginali

i) legalità e promozione sociale in aree ad alta inclusione sociale

j) riqualificazione urbana per creazione di servizi e spazi inclusivi per Comunità

k) reti e comunità intelligenti

l) diversificazione economia e sociale connessa a mutamenti nel settore pesca

Strategia CLLD deve perseguire almeno 1 dei seguenti obiettivi:

a) valorizzare, creare occupazione, attrarre giovani, promuovere innovazione in tutte le fasi della filiera pesca/acquacoltura

b) sostenere: diversificazione (all’interno ed all’esterno di pesca commerciale); apprendimento permanente; creazione posti di lavoro in zone di pesca ed acquacoltura

c) migliorare sfruttamento del patrimonio ambientale di zona di pesca ed acquacoltura, inclusi interventi volti a mitigare cambiamenti climatici

d) promuovere il benessere sociale e patrimonio culturale delle zone di pesca ed acquacoltura, incluso patrimonio culturale marittimo

e) rafforzare ruolo di comunità dei pescatori nello sviluppo locale e nella governance delle risorse di pesca locali e della attività marittima

 Descrizione del processo di associazione delle comunità locali ai fini di elaborazione della strategia CLLD:

  • piano di azione per conseguire obiettivi individuati
  • modalità di gestione e sorveglianza di strategia, da cui evidenziare capacità del gruppo di azione locale di attuarla, descrizione modalità di valutazione
  • piano di finanziamento per strategia CLLD, compresa dotazione dei fondi UE interessati

Servizio verifica ammissibilità delle domande presentate, accertando in particolare:

  • ammissibilità di soggetto proponente, cioè partenariato già costituito o meno
  • equilibrata composizione del partenariato
  • individuazione al proprio interno di un partner capofila per le questioni amministrative e finanziarie, o decisione di costituire un’apposita struttura
  • proposta di definizione del territorio e di popolazione interessata, con relativa composizione demografica
  • territorio interessato comprendente popolazione di 10.000 – 150.000 abitanti (motivare eventuale richiesta di deroga, comunque non oltre 200.000 abitanti)
  • area territoriale configurabile come area marina costiera, lagunari, lacustre, fluviale
  • area individuata deve rispettare almeno 1 dei vincoli caratterizzanti area di pesca come sopra riportati
  • strategia focalizzata su elementi quali: promozione, crescita economica ed inclusione sociale; creazione posti di lavoro; sostegno ad occupabilità e mobilità dei lavoratori dipendenti da pesca ed acquacoltura (compresa diversificazione di attività) di comunità costiere ed interne
  • obiettivi indicati rientrano tra quelli evidenziati sopra
  • ambiti di intervento individuati rientrano tra quelli di Accordo di partenariato
  • dotazione finanziaria complessiva (comunitaria e nazionale) di FLAG compresa tra 1.000.000 e 5.000.000 €
  • ripartizione delle risorse se previste nel piano finanziario della proposta tiene conto del limite di 25%per costi di esercizio ed animazione

Servizio procede a redigere una graduatoria dei progetti giudicati ammissibili tenendo conto delle seguenti priorità:

  • qualità e coerenza della strategia (massimo 20 punti)

a) coerenza geografica di area proposta: 5 punti

b) complementarietà ed integrazione con altre politiche di sviluppo locale finanziate con fondi UE, o nazionali o regionali: 1 punto

c) adeguatezza della identificazione dei fabbisogni ed analisi SWOT con dati ed indicatori affidabili: 3 punti

d) coerenza interna della strategia in termini di quadro logico (fabbisogni, swot, obiettivi, azioni, risultati): 2 punti

e) coerenza con quadro normativo di riferimento e con PO FEAMP: 1 punto

f) capacità stimata di creare posti di lavoro ed occupazione: 1 punto

g) identificazione di obiettivi chiari e misurabili: 2 punti

h) adeguatezza della strategia nel rispondere a fabbisogni di area: 3 punti

i) rispetto dei principi orizzontali: 1 punto se contribuisce a sviluppo sostenibile e lotta al cambiamento climatico; 1 punto se contribuisce al principio delle pari opportunità e non discriminazione

  • qualità del coinvolgimento del partenariato (massimo 20 punti):

a) composizione e rappresentatività del partenariato: 4 punti se partner rappresentano almeno 15% del settore pesca; 2 punti se partner rappresentano almeno 15% del settore acquacoltura: 1 punto se partner, rappresentano almeno 10% del settore trasformazione e commercializzazione del prodotto ittico ed acquacoltura

b) composizione adeguatamente rappresentativa e coerente delle istanze locali rispetto ai fabbisogni di area ed alle azioni da implementare: 1 punto se partner rispecchiano composizione socio economica della zona, tramite rappresentanza equilibrata di settore privato , pubblico e civile; 2 punti se partner, sono coerenti con ambito del Piano di azione

c) grado di coinvolgimento dei partner nella definizione ed attuazione di strategia CLLD: 1 punto se processo di definizione della strategia ha visto coinvolti attivamente i partner; 1 punto se ogni partner ha contribuito a definire la strategia in base al proprio ruolo ed ambito di competenza

d) capacità di mobilitazione ed animazione delle Comunità locali: 2 punti se svolte attività per attivo coinvolgimento della comunità locali nella definizione della strategia; 1 punto se prevista attività di coinvolgimento delle comunità locali nell’attuazione e valutazione di strategia

e) adeguatezza e trasparenza delle procedure decisionali: 4 punti

f) azioni di informazione e comunicazione a favore delle comunità locali: 1 punto

  • sistema di gestione e controllo (massimo 28 punti)

a) evidenza della capacità amministrativa del FLAG: 5 punti se forma giuridica di FLAG rientra tra quelle previste dal Codice Civile; 4 punti se FLAG dispone di risorse tecniche, logistiche ed organizzative sufficienti a garantire il rispetto di funzioni assegnate

b) sostenibilità amministrativa della struttura gestionale del FLAG per intera durata di attuazione della strategia CLLD: 4 punti

c) adeguatezza in termini quantitativi e qualitativi (livello di competenza ed esperienza) delle risorse umane e delle risorse finanziarie del FLAG per gestione delle attività previste: 25 punti

d) chiarezza ed adeguatezza delle procedure interne per selezionare le operazioni (almeno 50% dei voti provenienti da partner non pubblici): 4 punti

e) chiara descrizione delle modalità per azioni di monitoraggio e valutazione dei risultati: 3 punti

f) chiara identificazione dei ruoli, responsabilità, compiti tra i partner (in particolare del partner capofila) rispetto ad attività da svolgere: 3 punti

  • qualità del piano di azione (massimo 20 punti)

a) chiara descrizione del piano di azione (sua coerenza con obiettivi, risultati attesi, azioni , output): 5 punti

b) adeguatezza delle azioni svolte rispetto a strategia proposta (azioni integrate tra loro nell’ambito di approccio multisettoriale ed orientate verso la stessa direzione di strategia): 5 punti

c) identificazione di azioni in grado di perseguire risultati previsti (strategia orientata su azioni con maggiori possibilità di realizzare cambiamento): 4 punti

d) innovatività delle azioni individuate in termini di azioni, strumenti, output: 3 punti

e) coerenza ed adeguatezza del cronoprogramma (individuata con chiarezza durata delle attività, impegno di risorse, output): 3 punti

adeguatezza del piano finanziario (massimo 12 punti)

a) adeguatezza delle risorse finanziarie e loro allocazione rispetto ad azioni da svolgere e risultati da conseguire (risorse sufficienti e ripartite in modo corretto rispetto ad attività): 4 punti

b) capacità di gestione delle risorse pubbliche (partenariato in possesso di esperienza pregressa ed adeguate competenze nell’uso di fondi pubblici e gestione di progetti di sviluppo locale): 3 punti

c) mobilitazione di risorse private (cioè capacità di mobilitare partecipazione finanziaria di partner): 5 punti

Regione stipula con FLAG selezionati una specifica convenzione definita con D.G.R. 438 del 2/5/2017 contenente seguenti articoli:

1)       oggetto della convenzione riguardante responsabilità ed obblighi di Regione e FLAG nella realizzazione della strategia di sviluppo locale (SSL). Ammessa a contributo attività esercitata da FLAG nel rispetto di criteri, direttive e modalità attuative emanate da Regione

2)       durata della convenzione fino al termine periodo di programmazione FEAMP 2014/20. FLAG pertanto vincolato fino a completamento attività di rendicontazione, monitoraggio, certificazione della spesa controllo ed audit di FEAMP 2014/20

3)       indicazione entità di contributo pubblico destinato ad attuare SSL sia per le operazioni attuate direttamente da FLAG, sia per quelle attuate da beneficiari pubblici e privati del territorio selezionati tramite bandi ad evidenza pubblica

4)       modalità di erogazione delle risorse mediante loro trasferimento da parte di Regione nei limiti di stanziamento di bilancio, sotto forma di:

–          anticipo. FLAG può chiedere anticipo solo per azioni a gestione diretta per importo pari a 30% di contributo pubblico (per le sole spese di animazione anticipo elevato a 50%), previo invio di garanzia fidejussoria di pari importo

–          acconto. FLAG può presentare domanda di pagamento su stato di avanzamento quando raggiunto almeno 15% spesa preventivata

–          saldo finale. FLAG presenta domanda di pagamento a conclusione di attività previste nel programma approvato. Operazioni  finanziarie connesse ad attività concluse entro 30 giorni da scadenza di SSL, salvo eventuali proroghe concordate con Regione.

Modalità di invio domanda di anticipo, acconto, saldo riportate nel manuale delle procedure approvate da Regione

Se attività del programma generano economie, FLAG potrà proporre a Regione di usare diversamente tali economie

FLAG si impegna a garantire tracciabilità dei flussi finanziari

In merito ad erogazione di contributi a favore di beneficiari terzi, Regione procede mediante anticipi, acconti, pagamenti a saldo in base a rendiconti trasmessi a FLAG e previa esecuzione di controlli di 1° livello

5)       FLAG deve rendicontare spese sostenute nell’ambito di operazioni a propria titolarità o a regia previste nel Piano di Azione (PdA) approvato, tenendo conto di piano finanziario e cronoprogramma previsto in PdA al fine di evitare disimpegno automatico e conseguire riserva di performance. Rendiconto presentato da FLAG indicante inserimento delle relative spese e documentazione di controllo in sistema SIPA almeno 3 volte/anno. Eventuale ritardo nell’avanzamento di spesa da parte di FLAG rispetto a target stabilito in PdA che possa prefigurare impossibilità di utilizzo delle risorse, determina riduzione partecipazione finanziaria FEAMP, con obbligo per FLAG di rimodulare piano finanziario. Tempi ed importi di PdA possono subire variazioni in base a specifiche determine regionali qualora raggiunto livello di spesa da sottoporre a certificazione, nonché in relazione ad eventi di disposizioni su chiusura del programma

6)       qualsiasi modifica o integrazione di convenzione concordata tra le parti, anche al fine di recepire eventuali modifiche del quadro normativo UE e nazionale di riferimento

7)       Regione assicura controllo di corretta attuazione di convenzione, mentre FLAG si assume responsabilità di corretta attuazione di SSL e PdA approvati, impegnandosi ad inviare a Regione ogni informazione e documento utile a verificare attuazione funzioni delegate, nonché a non cedere a terzi, neppure parzialmente, convenzione in oggetto

8)       Regione si impegna a:

–          esprimere proprio parere vincolante su bandi attuativi delle Misure previsti in PdA

–          recepire graduatorie provvisorie adottate da FLAG e concedere relativi benefici

–          erogare contributi a soggetti beneficiari in base a risultati dei controlli di 1° livello

–          erogare anticipi e contributi al FLAG in base a procedure riportate in convenzione e nel Manuale

–          verificare ed approvare eventuali modifiche apportate a SSL e PdA  proposte da FLAG

–          validare dichiarazioni di spesa tramite sistema informativo regionale

–          verificare e convalidare dati anagrafici, finanziari, fisici, procedurali relativi a tutte le operazioni, nominando figura di riferimento al riguardo

–          fornire indicazioni e documenti necessari per corretta gestione di SSL e PdA da parte di FLAG, anche istituendo apposita Cabina di regia regionale con rappresentanti di FLAG

–          assicurare flussi di informazioni necessarie ad alimentare monitoraggio finanziario, fisico, procedurale di concerto con responsabili del FLAG

–          dare immediata pubblicità su sito regionale di avviso trasmessi da FLAG

9)       FLAG si impegna a:

–          mantenere requisiti di ammissibilità e selezione previsti nel bando per intera durata di attuazione di SSL (v. percentuali di rappresentanza di gruppi di interesse in organo decisionale, struttura organizzativa di FLAG)

–          comunicare a Regione ogni variazione dei requisiti di ammissibilità e selezione previsti nel bando

–          attuare azioni previste in SSL e PdA nei tempi previsti dal cronoprogramma

–          inviare bandi ed avvisi attuativi di PdA a Regione per suo parere preventivo e vincolante

–          inviare a Regione qualunque modifica a SSL e PdA approvato, nonché ogni significativa sospensione delle attività di PdA

–          ottemperare ai rilievi, richieste, prescrizioni formulate da Regione nei temimi prescritti

–          garantire procedure di evidenza pubblica e trasparenti in materia di appalti (Vietato affidamento diretto a partner di FLAG di attività di PdA)

–          garantire trasparenza, imparzialità, pari opportunità nelle procedure di selezione di collaboratori

–          evitare insorgere di conflitti di interesse nell’attuazione di PdA

–          garantire che azioni attivate da FLAG siano realizzate in territorio FLAG o lo investono in maniera diretta

–          verificare attuazione di SSL ed operazioni finanziate, nonché eseguire attività di sorveglianza al riguardo

–          comunicare conto corrente dedicato o per operazioni a titolarità FLAG adottare sistema di codifica separata di operazioni finanziarie in entrata/uscita ed adozione sistema di pagamento tracciabile (Bonifico, ricevuta bancaria, assegno di conto corrente) ai fini di quietanza di pagamento di spesa sostenuta

–          rispettare prescrizioni contenute nei documenti attuativi del PO FEAMP approvati da Regione

–          ricevere e verificare ammissibilità domanda di sostegno, selezionare operazioni nel rispetto del Manuale delle procedure, fissare importo del sostegno da concedere, presentare graduatorie provvisorie a Regione ai fini della loro approvazione e concessione di contributi

–          ricevere ed istruire richieste di proroga e varianti nell’ambito di operazioni a regia

–          attuare operazioni a titolarità, inviando atti di aggiudicazione e relativi contratti a Regione per concessione del corrispettivo contributo

–          inviare tutte la documentazione per svolgimento dei controlli di 1° livello a Regione secondo modalità definite in Manuale procedure

–          inviare informazioni e documentazione necessarie a Regione per consentire erogazione di contributi secondo modalità e tempi indicati in Manuale procedure

–          predisporre ed aggiornare sezioni di propria competenza delle piste di controllo

–          mettere in atto attività di controllo e monitoraggio di sua competenza, individuando responsabili di attività

–          inserire dati anagrafici, finanziari, fisici e procedurali relativi ad operazioni di FLAG nei sistemi informativi e nominare referente al riguardo, inserire in SIPA secondo tempi indicati da Regione documentazione delle spese da rendicontare

–          chiedere a Regione autorizzazione al riutilizzo di eventuali economie generate

–          rispettare performance finanziarie stabilite

–          rispettare obblighi in materia di pubblicità, trasparenza e comunicazione previsti

–          assicurare ad incaricato dei controlli piena collaborazione, mettendo a disposizione, anche di funzionari di Istituzioni UE o nazionali, informazioni inerenti stato delle procedure

–          rispettare qualsiasi altra prescrizione od indicazione impartita da Autorità di gestione

–          segnalare a Regione eventuali problematiche connesse ad attuazione di PdA, proponendo possibili soluzioni

–          concertare con Regione modalità idonee di conservazione documentazione inerente operazioni ammesse e documenti giustificativi relativi a spese ammesse a cofinanziamento

–          assicurare adempimenti collegati a chiusura di PO FEAMP

–          inviare a Regione tutti i documenti necessari per consentire controllo qualitativo di attuazione programma

–          inviare ogni 3 mesi redazione su stato di avanzamento dei lavori e report di monitoraggio previsti

–          nominare figura di riferimento per attività di cooperazione

–          redigere regolamento interno al fine di garantire trasparenza delle procedure attuate da FLAG, gestire le situazioni di incompatibilità ed evitare insorgere di ipotersi conflitti di interesse

–          completare attuazione di SSL e PdA nei termini prescritti

10)    in relazione ad operazioni a regia, fermo restando bando ammissibilità delle domande di contributo di pertinenza FLAG, valutazione di merito (compresa applicazione punteggi di priorità e verifica di congruità dei costi e loro ammissibilità) delegata a Commissione di valutazione, composta di 3 soggetti (di cui 2 appartenenti a FLAG ed 1 esperto valutatore esterno scelto da Regione) “nel rispetto delle regole su conflitto di interessi ed incompatibilità”

11)    Regione e FLAG al fine di assicurare pieno utilizzo della riserva di efficacia, sono tenuti a raggiungere target fisici e finanziari previsti. FLAG si impegna a rispettare cronoprogramma presentato in SSL al fine di sostenere Regione al raggiungimento di target nazionale fisici e finanziari. Eventuali risorse non assegnate per mancato raggiungimento di target finanziario da parte di Regione di partite tra le altre Regioni che hanno conseguito target fisico e finanziario assegnato in funzione del risultato conseguito. Ne consegue possibile modifica di dotazione finanziaria del FLAG. In caso di parziale conseguimento di target da parte di Regione con conseguente mancato raggiungimento di target per priorità del Programma, piano finanziario di Regione ridotto per priorità interessate, tenendo conto di risultato conseguito rispetto a target prefissato. Risorse derivanti da suddetta riduzione riassegnate secondo modalità fissate da Tavolo istituzionale con eventuale modifica di detrazione finanziaria del FLAG. Al fine di non incorrere nel disimpegno automatico dei fondi, Regione e FLAG sono tenuti a contribuire a raggiungere target finanziario previsto da PO FEAMP. FLAG si impegna a rendicontare entro fine di programmazione FEAMP 2014/20 almeno 70% contributo attribuito a SSL, pena applicazione di decurtazione pari ad anticipazione richiesta su spese di gestione ed animazione. FLAG si impegna a raggiungere soglia minima di spesa secondo seguente tempistica:

a) 23% del proprio budget di contributo pubblico entro 31/7/2018

b) 25% del proprio budget residuale al netto di quanto rendicontato entro 31 Luglio di anni successivi

Se spesa rendicontata inferiore a soglia concordata, Regione procede a rimodulazione di piani finanziari in proporzione a scostamento rilevato. Risorse liberate disimpegnate o riassegnate in proporzione ad altri FLAG di Regione in base a propria performance

12)    FLAG, oltre a revisione intermedia, può proporre modifiche e/o variazioni a SSL in casi eccezionali adeguatamente motivati con descrizione di impatto di queste su raggiungimento obiettivi delle priorità. Modifiche, corredate da PdA riveduto e relazione da cui risulti motivazioni giustificative di modifiche e quadro di confronto tra situazione originaria e quella conseguente a variante, sottoposte a preventiva valutazione di Regione che ne accerta coerenza con obiettivi di PO FEAMP e mantenimento requisiti di ammissibilità. Modifiche non possono comunque comportare:

a) aumento del contributo concesso, salvo redistribuzione e rassegnazione delle risorse finanziarie nell’ambito di priorità 4 di PO FEAMP;

b) perdita dei requisiti verificati per ammissibilità di SSL;

c) riduzione punteggio, salvo mantenimento posizione utile in graduatoria per mantenere diritto al contributo;

d) alterare condizioni che hanno determinato contributo (in particolare partenariato, estensione territoriale, composizione organo decisionale di FLAG)

Prevista procedura semplificata per autorizzazione di modifiche riguardanti PdA

Modifiche presentate 2 volte/anno, esaminate da Regione che si esprime entro 10 giorni lavorativi (altrimenti modifiche si intendono approvate)

Richiesta di proroga di attuazione di SSL da parte di FLAG debitamente giustificata e preventivamente autorizzata da Regione, compatibilmente con limiti temporali di PO FEAMP 2014/20. Se richiesta proroga accettata, convenzione automaticamente prolungata fino a nuovo termine

13)    Regione verifica e porta a conoscenza di FLAG comunicazioni impartite da Autorità di gestione (AdG). FLAG invia tutte le comunicazioni tramite PEC, nonché fornisce a Regione e AdG informazioni e documentazione richiesta a fini di monitoraggio di SSL. FLAG deve conformarsi a vigente normativa in materia di pubblicità, trasparenza, diffusione delle informazioni. A tal fine deve:

  1. a) realizzare incontri sul territorio volti a far conoscere iniziative promosse e forme di pubblicità previste
  2. b) dotarsi di bacheca informativa presso propria sede
  3. c) dotarsi di sito web

14)    FLAG si impegna a: inserire in sistema informativo dati relativi a sue attività, operazioni selezionate (v. dati anagrafici, finanziari, fisici, procedurali); individuare figura incaricata di inserire tali dati. Regione si impegna a: coordinare e validare le operazioni eseguite da FLAG su sistemi informativi; elaborare dichiarazioni di spesa, inviandole ad AdG

15)    Regione e FLAG nominano al proprio interno figura di riferimento in qualità di responsabile di:

a) monitoraggio e valutazione di SSL in base a modalità descritte in SSL e nel rispetto di direttive di Regione. Al fine di verificare andamento attuazione SSL dal punto di vista finanziario, procedurale, raggiungimento di obiettivi, FLAG presenta relazioni su stato di avanzamento lavori (Modello predisposto da Regione) insieme a report di monitoraggio con cadenza di almeno 3 mesi. Regione si impegna a monitorare stato di avanzamento e realizzazione di azioni, tramite incontri specifici con FLAG su stato di loro avanzamento periodico ed individuando correttivi da apportare;

b) Regione definisce proprio sistema di gestione e controllo nel rispetto di quanto previsto da 1011/14 riguardanti ammissibilità o meno di domande ed interventi;

c) FLAG si impegna a verificare attuazione di SSL e delle operazioni finanziate, condurre attività di vigilanza specifica su SSL, verificare che beni finanziati non subito variazioni d’uso durante 5 anni successivi al pagamento di saldo finale

Regione di impegna, insieme a FLAG, a risolvere criticità derivanti da controlli amministrativi ed informatici

16)    FLAG si impegna a rendere disponibili a Regione tutte le informazioni inerenti stato di procedure, progetti e documentazione nei tempi stabiliti da questa

17)    in caso di gravi inadempienze o violazioni di obblighi da parte di FLAG, tali da pregiudicare svolgimento di attività oggetto di convenzione, questa si intende risolta a partire da data di ricezione diffida scritta ad adempiere da parte di Regione

18)    Parti si impegnano ad attuare convenzione ed eseguire ricognizione di procedure amministrative da attivare per esecuzione di accordo secondo i principi di semplificazione ed efficacia di interventi

19)    in caso di inadempimento di impegni previsti in convenzione, Regione intima a FLAG di risolvere criticità evidenziate, assegnando termine congruo per adempimento, pena revoca delle attività di FLAG oggetto di convenzione

20)    Parti si obbligano ad interagire o aggiornare convenzione al fine di recepire sopravvenute modifiche del quadro normativo UE e nazionale di riferimento ed eseguire in modo tempestivo ed efficace adempimenti richiesti

21)    in caso di rinuncia da parte di FLAG ad attuare SSL fornita tempestiva comunicazione a Regione, con contestuale retribuzione di anticipi percepiti maggiorati di interessi, qualora non coperta da documentazione di spesa ammissibile

22)    in caso di gravi inadempienze o violazioni da parte di FLAG di obblighi derivanti da convenzione tali da pregiudicare svolgimento di azioni o raggiungimento di obiettivi di SSL, se non sanato entro termine stabilito da Regione, si avrà revoca (anche parziale) dei finanziamenti concessi a decorrere da ricezione di diffida scritta. Se FLAG non rimborsa quote di contributo pubblico richieste, si procede ad escussione del titolo di garanzia prestato da FLAG e da eventuali beneficiari terzi. Violazione di normativa UE comporta mancato riconoscimento, totale o parziale, di spesa inerente operazioni oggetto di violazione, con conseguente revoca di assegnazione. Se a seguito di verifica di conformità svolta da Istituzioni UE, nazionali, regionali rilevate irregolarità o frodi in relazione ad operazioni a titolarità si procede a revoca, eventuale recupero del contributo concesso e dovute segnalazioni. Se rilevati errori, irregolarità, frodi nelle operazioni a regia si procede a revoca e recupero del contributo concesso nei confronti di beneficiario terzo e dovute segnalazioni. Se tali errori o irregolarità o frodi imputabili a FLAG conseguono rettifiche finanziarie a danno di Regione si procede a proporzionale rettifica del contributo riconosciuto a FLAG per spese di gestione

23)    Parti si conformano a quanto previsto da normativa in materia di informazione e pubblicità dei dati dei beneficiari, compresa quella sulla privacy

24)    convenzione redatta in carta libera gode delle agevolazioni in materia di imposta di bollo, registro ed ipotecaria

25)    in ogni controversia inerente convenzione Foro competente è quello di Ancona

Dirigente PF Caccia e Pesca approvato con DDS 227 nel 28/10/2016 strategie CLLD presentate dai vari FLAG Atto notificato a FLAG con relative osservazioni e rilievi affinchèentro 2 mesi venga presentato piano di azione definitivo

Entità aiuto:

Stanziati per FLAG 4.459.167,24 € che sono stati assegnati, con decreto 227 del 28/10/2016 a:

  • ATS FLAG Marche sud (rappresentato da Comune di S. Benedetto Tronto quale capofila) per 1.300.000 € + 21.600 € per sostegno a partenariato
  • Associazione FLAG Marche Centro per 1.300.000 € + 30.400 per sostegno a partenariato
  • società cooperativa consortile GAL Marche Nord per 1.300.000 + 30.000 € per sostegnoa partenariato

Sostegno ad attività di elaborazione ed attuazione  di strategia di sviluppo locale (CLLD) relativamente a:

a) costi per sostegno preparatorio, “consistente in sviluppo delle capacità di formazione e creazione di reti, nell’ottica di elaborare ed attuare una strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo

b) esecuzione delle operazioni previste nell’ambito di “strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo” con supporto alla fase propedeutica di costituzione del partenariato(animazione sul territorio) e predisposizione di una strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo al fine di migliorare qualità di progettazione e rafforzare collegamento con territorio. Sostegno concesso sia a partenariati già costituiti ed attuatori della strategia di sviluppo locale nel programma FEP 2007/2013, sia a partenariati di nuova costituzione (manifestazione di interesse presentata da Organismo di diritto pubblico, quale soggetto promotore di FLAG, entro 20 giorni da pubblicazione avviso). Costi di sostegno preparatorio riguardano: iniziative di formazione rivolte alle parti interessate e locali; studi su area interessata; spese di progettazione dello sviluppo locale (incluse consulenze ed azioni legate a consultazione di parti interessate, ai fini della preparazione di strategia); spese amministrative (costi operativi e personale)  di organizzazione candidata a FLAG

c) preparazione e realizzazione di attività di operazione del gruppo di azione locale

d) costi di esercizio connessi a gestione di attuazione strategia di sviluppo locale, comprendenti: costi operativi; costi del personale; costi di formazione; costi per pubbliche relazioni; costi finanziari; costi connessi a sorveglianza e valutazione di strategia

e) costi di animazione connessi a strategia

Risorse residuali, al netto di sostegno preparatorio, costituiscono una premialità, al fine di favorire aggregazione di FLAG che soddisfano seguenti requisiti: maggiore consistenza della attività di pesca (espressa in termini di GT delle imbarcazioni da pesca comprese in area di riferimento); presenza nell’area di riferimento di almeno 3 porti   dedicati ad attività di pesca, come definiti dal piano regionale di porti.

Per sostegno preparatorio riconosciuto un contributo fino a 100% delle spese ammissibili, comunque non oltre  30.000 €. In merito ai costi di animazione ed esercizio di FLAG non superiori a 25% di spesa pubblica sostenuta per strategia di sviluppo locale.

Posted in: