CENSIMENTO BOSCO

CENSIMENTO BOSCO (DM 19/4/19; L.R.  6/05; D.G.R 5/6/06, 14/02/11, 02/03/12, 15/12/15, 12/12/2016)    (bosco03)

Soggetti interessati:

Ministero Politiche Agricole, Alimentari, Forestali (MIPAAF), Regione Marche, Arma Carabinieri Nucleo Forestale (ACF) impegnati ad individuare:

a)formazioni vegetali monumentali (FVM), cioè “gli alberi di qualunque specie, filari, gruppi e qualsiasi altro elemento o formazione vegetale di particolare interesse storico-culturale, o di particolare pregio naturalistico e paesaggistico, che, per età o dimensioni, possono essere considerati come rari esempi di maestosità e longevità, o che evocano un preciso riferimento ad eventi o memorie rilevanti dal punto di vista storico. culturale o delle tradizioni locali”. Pianta monumentale viene classificata a livello:

  • dimensionale, cioè in base a circonferenza del fusto, ampiezza della chioma, altezza della pianta
  • fenotipico, cioè in base a sua forma e portamento
  • botanico-naturalistico, cioè in base a sua rarità
  • storico-culturale-architettonico, cioè in base a sua associazione con edifici, o luoghi di elevato valore storico-culturale e/o architettonico e per questo vincolati
  • paesaggistico, cioè in base a contesto territoriale di elevato pregio paesaggistico in cui collocata;

b)aree forestali ad alto valore naturale delle Marche (HNV), comprendenti boschi naturali o seminaturali di specie indigene di particolare interesse naturalistico regionale o nazionale (v. boschi di faggete o leccete), o presenza di protezione naturalistica (boschi ricadenti in aree protette UE, nazionali o regionali), o struttura del popolamento boschivo ad elevato valore naturalistico (v. fustaie disetanee irregolari articolate, cedui a sterzo, fustaie e cedui invecchiati), o presenza di elementi di valore per la biodiversità di habitat (popolamenti a margine di suoli rurali), o struttura con particolare presenza di microhabitat

Iter procedurale:

Ai fini della individuazione delle HNV, Regione Marche, con D.G.R. 168 del 14/2/11, ha proceduto a:

1)       rivedere Elenco delle sottocategorie forestali redatto per inventario forestale nazionale e serbatoi del carbonio (IFNC), riportando, alla realtà delle Marche, le categorie forestali in questo presente, e classificando come di alto valore naturalistico:

a)pinete di pini Mediterranei (piante a Pinus Pinea, con esclusione di quella a Pino d’Aleppo, in quanto nelle Marche tutte di origine artificiale e non autoctone), faggete, leccete, castagneti da legno e da frutto, qualora presenti nell’areale in entità inferiore a 10%

b)boschi di carpineti bianco, boschi igrofili (boschi a frassino, pioppeti naturali, saliceti ripariali, altre formazioni forestali in ambienti umidi), altri boschi caducifogli (aceri), boschi di farnia, qualora presenti nell’areale “a prescindere dalla superficie, purché habitat minacciati o rari”;

2)       individuare aree forestali delle Marche HNV (elenco riportato in tabella 3 a D.G.R. 168/11 pubblicata su BUR 15/11)

3)       selezionare le HNV per categorie e tipi forestali regionali, avvalendosi di:

a)carta forestale regionale in scala 1:25.000

b)delimitazione delle aree naturali protette, Zone di protezione speciale (ZPS), Siti di interesse comunitario (SIC), rilevate al GIS

c)criteri di selezione, imperniati su: esclusione delle aree forestali con “popolamenti di origine artificiale” e “formazioni di specie esotiche”; selezione di categorie e tipi forestali con assetto strutturale a “fustaia sopra ceduo” e “fustaia”, o di particolare interesse naturalistico regionale (elenco riportato in tabella 4 a G.R. 168/11 pubblicata su BUR 15/11); intersecazione geografica delle fustaie con i limiti delle aree naturalistiche istituite da Organismi sovraregionali presenti nelle Marche.

Regione Marche, ha provveduto con D.G.R. 686 del 05/06/2006 a:

  1. definire le modalità ed i tempi per: la realizzazione del censimento di FVM e degli alberi monumentali; verifica di sua esecuzione; invio della proposta di elenco FVM e degli alberi a ACF, previa valutazione della loro rispondenza agli obiettivi di legge
  2. istituire un elenco di FVM e degli alberi monumentali periodicamente aggiornato. Elenco di FVM è stato approvato con D.G.R. 279 del 02/03/2012 pubblicato su BUR 28/12, mentre elenco degli alberi monumentali è stato approvato con DGR 1100 del 15/12/2015 pubblicato su BUR 117/15 (aggiornato poi con DGR 1543 del 12/12/2016 pubblicato su BUR 140/16)
  3. notificare ai proprietari di FVM e degli alberi monumentali iscritti in Elenco, il tipo di tutela applicato su questi
  4. apporre su ogni FVM ed albero monumentale iscritto in Elenco una targa di riconoscimento regionale.

Comuni istituiscono un registro degli alberi monumentali e di FVM abbattute senza autorizzazione, in cui riportare per ciascuna: esatta ubicazione ed estensione dell’area di incidenza della chioma.

MIPAAF, tramite Direzione generale delle foreste Ufficio DIFORIV, gestisce l’Elenco nazionale degli alberi monumentali d’Italia, che provvede a pubblicare nel proprio sito (www.politicheagricole.it) e ad inviare alle Regioni in forma aggiornata (ultimo aggiornamento effettuato con DM 19/4/2019), insieme ai sistemi omogenei di alberi, in cui riportare sia le nuove segnalazioni, sia le relative cancellazioni a causa di morte naturale od abbattimento, sia eventuali rettifiche dei dati inerenti agli esemplari iscritti. Elenco trasmesso ai Comuni interessati, affinché lo affiggono nell’Albo pretorio, in modo da consentire “al titolare del diritto soggettivo o al portatore di interesse legittimo di ricorrere avverso l’inserimento, nei modi e termini previsti dalla specifica normativa”

Posted in: