TRASPORTO COSE SU STRADA (Reg. 1071/09; D.Lgs. 286/05; Legge 298/76, 132/87, 120/10, 35/12; D.M. 20/4/12)    (strada24)

Soggetti interessati:

Chiunque intende effettuare:

-          trasporti di cose per conto proprio, cioè eseguiti da persone fisiche o giuridiche per esigenze proprie purché:

a)       trasporto effettuato con mezzi in proprietà, usufrutto, locazione ... delle persone stesse;

b)       conducenti dei veicoli siano titolari del mezzo o loro dipendenti;

c)       trasporto non costituisca attività economica prevalente per i titolari del mezzo;

d)       merci trasportate appartengono alle stesse persone, o debbono da queste essere elaborate, trasformate, riparate, migliorate, temute in deposito;

-          trasporto di cose per conto terzi, cioè "veicolo utilizzato, dietro corrispettivo, nell’interesse di persone diverse da intestatario carta di circolazione", tramite:

1)       locazione senza conducente: locatore, dietro corrispettivo, si obbliga a mettere a disposizione del locatario per esigenze di quest’ultimo, il veicolo, compresi veicoli ad uso speciale e veicoli destinati a trasporto cose aventi massa complessiva a pieno carico inferiore a 6 t., o veicoli aventi al massimo 9 posti (compreso conducente) destinati a trasporto persone, o veicoli per trasporto promiscuo, od autocaravan e rimorchi destinati al trasporto di attrezzature turistiche e sportive;

2)       servizio di noleggio con conducente per trasporto di persone tramite motocarrozzette, autovetture autobus, motoveicoli ed autoveicoli per trasporto promiscuo, o trasporto specifico di persone, veicoli a trazione animale;

3)       servizio di piazza con conducente o taxi;

4)       servizio di linea per trasporto di persone, cioè esercente servizio “comunque remunerato, effettua corse per destinazione predeterminata su itinerari autorizzati e con offerta indifferenziata al pubblico, anche se questo costituito da particolare categoria di persone”. A tal fine adibiti: autobus, autosnodati, autoarticolati, autotreni, filobus, filosnodati, filoarticolati;

5)       servizio di trasporto di cose per conto terzi, cioè imprenditore “si obbliga, dietro corrispettivo, a prestare servizi di trasporto ordinati dal mittente”;

6)       servizio di linea per trasporto di cose;

7)       trasporto di cose per conto terzi in servizio di piazza;

8)       locazione senza conducente con facoltà di acquisto (leasing) e vendita con patto di riservato dominio 

Iter procedurale:

Per veicoli destinati a trasporto di persone ad uso proprio (compresi autobus), Dipartimento Trasporto Terrestre (D.T.T.) rilascia specifica carta di circolazione a Enti pubblici, imprenditori, collettività “per soddisfacimento necessità strettamente connesse alla loro attività”.

In caso di trasporto di cose in conto proprio, su carta di circolazione D.T.T. annota estremi licenza di autotrasporto in conto proprio (Esclusi veicoli aventi massa superiore a 6 t.)

Esercizio autotrasporto in conto terzi è subordinato al rilascio di apposita licenza da parte D.T.T., con esclusione dei trasporti effettuati con:

-          mezzi agricoli, purché mezzo stesso sia omologato per trasporto di cose;

-          motoveicoli ed autoveicoli aventi massa complessiva a pieno carico oltre 35 q.li

Interessati presentano domanda a D.T.T., specificando per quali esigenze ed oggetti da trasportare viene richiesta.

Per esame domande istituita presso D.T.T. apposita commissione tecnica (composta, tra l'altro, da 1 rappresentante Organizzazione Professionale Agricola), che nel corso istruttoria può richiedere ad interessato invio di documenti atti ad accertare sussistenza requisiti.

D.T.T., entro 45 giorni da invio domanda ed acquisito parere favorevole commissione, rilascia licenza ed iscrive impresa in apposito elenco degli autotrasportatori di cose in conto terzi. Licenza:

1)       deve riportare cose o classi di oggetti per cui viene rilasciata;

2)       va sempre esibita ad ogni richiesta degli agenti di polizia;

3)       è soggetta a revisione obbligatoria ogni 5 anni, ma può sempre essere revocata se vengono meno condizioni in base alle quali fu rilasciata o qualora titolare impresa incorra in numerose infrazioni

Impresa iscritta ad Albo autotrasportatori può usare autocarri, rimorchi, semirimorchi, autotreni, autoarticolati muniti di autorizzazione di proprietà di altra impresa iscritta ad Albo autotrasportatori mediante contratto di locazione. Carta di circolazione di tali veicoli rilasciata sulla base di prescritta licenza.

Imprese, oltre a licenza, debbono far accompagnare ogni trasporto da elenco delle cose trasportate (Verificare che queste rientrino tra quelle previste nella licenza e da dichiarazione titolare impresa (controfirmata da conducente) o bolla di accompagnamento attestante proprietà delle merci trasportate.

Comune rilascia licenza di esercizio ad attività di noleggio veicolo con conducente, a cui subordinata emissione di carta di circolazione.

Carta di circolazione per veicoli adibiti a servizio di linea per trasporto di persone emessa da Autorità competente a rilasciare tali concessioni. Veicoli utilizzati solo su itinerari di cui “intestatario carta di circolazione ha ottenuto il titolo legale, salvo limitazioni riportate in detto titolo”. Tali veicoli destinati anche a noleggio con conducente, o locati temporaneamente ad altri esercenti servizi di linea, purchè “non pregiudicata regolarità del servizio” e carta di circolazione corredata da documento rilasciato da Autorità concedente “in cui sono indicate linee o bacini di traffico o noleggio per cui veicoli possono essere utilizzati”.

Carta di circolazione per trasporto di cose per conto terzi in servizio di piazza rilasciata da Autorità competenti per rilasciare autorizzazione ad esecuzione del servizio.

Nel caso di noleggio senza conducente con facoltà di acquisto o vendita con patto di riservato dominio, veicoli immatricolati a nome del locatario, con specifica annotazione sulla carta di circolazione del nominativo del locatario e della data di scadenza del contratto. Nel documento di immatricolazione e nella iscrizione al P.R.A. riportare uso a cui destinato veicolo da parte del locatario ed attestazione possesso del titolo e dei requisiti del locatario.

Nella ipotesi di vendita del veicolo con patto di riservato dominio, veicolo immatricolato a nome di acquirente, specificando su carta circolazione e nella iscrizione del P.R.A., nome del venditore e data di pagamento ultima rata   

Impresa deve tenere aggiornati libretti individuali dei conducenti, registro di servizio, orario di servizio da mostrare a D.T.T. ed Ispettorato del Lavoro. Libretti individuali, estratti registro di servizio, copia orario di servizio debbono sempre accompagnare trasporto e mostrati ad Agenti polizia. Registri di servizio conservati da impresa ed esibiti a controllo di D.T.T. ed Ispettorato del Lavoro.

Chiunque effettua trasporti di cose per conto proprio o terzi deve rispettare seguenti norme:

-          nel caso di attività professionale di trasporto disporre di patente di categoria C, C + E, D, D + E rilasciata previo invio apposita certificazione medica (a spese del conducente) “con cui si esclude che faccia abuso di sostanze alcoliche o di sostanze stupefacenti o psicotrope”. Reg. Ce 1071/09 impone obbligo di superare esame di idoneità professionale per servizio del trasporto su strada. La Legge 35/12 stabilisce che sono dispensate da esame le persone che dimostrano di aver diretto in maniera continuativa attività di 1 o più imprese di trasporto di persone (con autoveicoli atti a trasportare oltre 9 persone, conducente compreso) o merci su strada (con autoveicoli di massa complessiva superiori a 1,5 t.) in qualsiasi forma giuridica, consorzi o cooperative iscritte a Sezione speciale di Albo esercitate in Italia o Stato CE a partire da 4/12/1999 (Ammesse interruzioni, anche non consecutive, nella direzione di ditta di trasporto per un periodo non oltre 20% del decennio) e siano in attività alla data del 10/2/2012 con qualifica di:

a)       amministratore unico o membro del consiglio di amministrazione per persone giuridiche pubbliche/private;

b)       socio responsabile per società di persone;

c)       titolare di impresa individuale o familiare o collaboratore di impresa familiare;

d)       dipendente a cui affidate mansioni di direzione impresa di trasporto;

e)       eventuale istitutore in organico ad impresa, purché ricoperto mansioni direzionali.

Domanda in bollo di rilascio dispensa da esame di idoneità professionale (Modello riportato in Allegato a D.M. 20/4/12 pubblicato su G.U. 99/12) da inviare entro 3/6/2012 (Se impresa non comunica entro 3/12/2012 avvenuto rilascio di attestato di idoneità professionale, questo non più soddisfatto) ad Ufficio Trasporto di Provincia di residenza del richiedente, allegando

a)       attestato di esperienza professionale per impresa di trasporto su strada di merci o persone, inserendo nel campo relativo ad identificazione di esame data di rilascio ed annotazione “dispensato da esame conformemente alle disposizioni di art. 9 del Reg. CE 1071/09 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21/10/2009 ed all’articolo 11 comma 6 della Legge 4/4/2012 n. 35”. Nel caso di esperienza maturata solo in ambito nazionale attestato reca seguente dicitura “Il presente attestato viene rilasciato a soggetto dispensato dall’esame in relazione alla esperienza maturata conformemente alle disposizioni di articolo 9 del Reg. CE 1071/09 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21/10/2009 ed all’articolo 11 comma 6 della Legge 4/4/2012 n. 35 ed è valido esclusivamente per l’esercizio di autotrasporto nel territorio italiano”;

b)       dichiarazione sostituiva di notorietà (Modello riportato in Allegato B a D.M. 20/4/12 pubblicato su G.U. 99/12) attestante periodo di esercizio (periodi di esercizio se in più imprese), dati di imprese dirette (nel caso di imprese trasporto merci su strada: numero di iscrizione ad Albo nazionale di persone fisiche e giuridiche che esercitano autotrasporto per conto terzi).

Province verificano, avvalendosi di Uffici Motorizzazione Civile, veridicità dichiarazioni rese ed in caso di esito positivo rilasciano attestato. In caso di esperienza condotta in parte presso impresa trasporti di altro Stato membro, occorre dichiarazione Autorità competente di Stato membro da richiedersi da parte di Provincia. Attestato avente validità su territorio nazionale ed internazionale, purché esperienza effettuata in imprese titolari di licenza CE e di autorizzazioni bilaterali o multilaterali valide per ogni anno del decennio.

Nel caso di rilascio attestato per soli trasporti nazionali, titolare deve sostenere esame integrativo per conseguire idoneità professionale anche per trasporti internazionali. Si considera sussistente il requisito di idoneità professionale per imprese che esercitano professione di trasporto su strada, purché gestore dei trasporti da queste designati abbia presentato domanda di dispensa da esame di cui sopra                             

-          conducente titolare di patente di guida rilasciata da Stato estero con il quale non sussistono condizioni di reciprocità dipendente di impresa di autotrasporto di persone o cose avente sede in Italia e titolare di carta di qualificazione del conducente rilasciata in Italia e residente in Italia da almeno 1 anno può conseguire patente di guida corrispondente a quella estera posseduta. Al momento rilascio patente, al titolare rilasciato anche duplicato di carta di qualificazione del conducente la cui validità coincide con quella di carta di qualificazione duplicata; 

-          nel caso di trasporto cose su veicoli a trazione animale non si deve superare massa complessiva a pieno carico indicata nella targa;

-          massa complessivo veicolo non può superare limiti di massa del 10% indicati in carta circolazione o del 5% nell’autorizzazione per veicoli eccezionali. Fonti di prova costituiti da documenti di accompagnamento o “risultanza strumenti di peso di Organi di polizia”;

-          nel caso di trasporto persone, numero persone trasportate mai superiore a quello indicato su carta circolazione, “lasciando ampia libertà di movimento per effettuare manovre necessarie per guida” e da non impedirgli la visibilità. Ammesso trasporto in soprannumero sui sedili posteriori di 2 ragazzi di età inferiore a 10 anni, purché accompagnati da persone di almeno 16 anni;

-          nel caso di merci pericolose (esplosivi, materiali radioattivi, gas tossici ...) occorre licenza specifica di trasporto ed adottare particolari attrezzature o dispositivi nei veicoli, nonché impiegare personale abilitato. Decreto Ministero Trasporti definisce quali sono le merci pericolose e le misure precauzionali da adottare;

-          nel caso di trasporto animali, "sui veicoli diversi da quelli autorizzati", vietato numero animali superiore a 1 e, comunque, in condizioni da non "costituire impedimento o pericolo per guida". Per piccoli animali domestici, ammesso numero superiore purché custoditi in gabbie o collocati nel vano posteriore veicolo diviso da conducente "da rete o altro mezzo idoneo" autorizzato da D.T.T.;

-          veicoli, soggetti o meno a licenza, adibiti a trasporto debbono essere muniti nella parte anteriore e posteriore di un contrassegno rosso da riprodurre anche nella parte posteriore del rimorchio;

-          carico dei veicoli deve essere sistemato in modo da:

1)       evitare caduta o dispersione di questo;

2)       non diminuire visibilità od ostacolare movimenti conducente;

3)       non compromettere stabilità veicolo;

4)       non nascondere dispositivi luminosi, di segnalazione o targhe;

5)       non superare i limiti di sagoma del veicolo senza sporgere anteriormente. In caso di trasporto cose indivisibili ammessa sporgenza posteriore non oltre 3/10 lunghezza veicolo e sporgenza laterale non oltre 30 cm., purché "non devono strisciare sul terreno ... ed adottate tutte le cautele per evitare pericolo ad altri utenti", comunque sempre segnalata con pannelli retroriflettenti collocati ad estremità sporgenza;

-          durata della guida di autoveicoli adibiti al trasporto di persone o cose disciplinata da Reg. 561/06. Registri di servizio, estratti di registro, copia di orario di servizio esibiti per controllo ad Agenti di polizia stradale. Registri di servizio conservati da impresa esibiti a funzionari Dipartimento trasporti ed Ispettori del lavoro. Infrazioni a tali norme sempre accertate tramite “risultanze o registrazioni dei dispositivi di controllo installati su veicolo, nonché tramite documenti di cui sopra”;

-          veicoli adibiti a trasporto di persone o cose non muniti di cronotachigrafo disciplinati da accordo trasporti internazionali su strada (AETR). Registri di servizio, libretti individuali, estratti di registro di registro, copia orario di servizio esibiti per controllo ad Organi di polizia stradale e conservati da imprese per essere forniti a funzionari Dipartimento trasporto. Violazioni alla suddette norme accertate attraverso documenti di cui sopra. 

-          veicoli muniti di cronotachigrafo e limitatori di velocità. Se sospetto che strumento manomesso o non funzionante, agente polizia può imporre di:

1)       inviare veicolo presso officina autorizzata per accertamento funzionalità e suo ripristino a spese proprietario veicolo o titolare della licenza;

2)       "regolarizzare strumentazione entro 10 giorni" ed informa di violazione D.T.T.

Legge 35/12 impone controllo ogni 2 anni di tale apparecchio presso officine autorizzate che rilasciano specifico attestato di avvenuto controllo da esibire in occasione di revisione periodica veicolo

D.T.T. in via eccezionale e temporanea può autorizzare impiego di autocarri per trasporto di persona (Autorizzazione rilasciata in base a nulla osta del Prefetto) ad autobus destinati a noleggio con conducente in servizio di linea o viceversa.

In caso di mancato rispetto disposizioni su orario di guida e periodo di riposo, Agente di polizia riporta in verbale obbligo di non proseguire viaggio e luogo dove veicolo viene condotto per sosta. Adempiuto ad interruzioni od a riposo prescritto, conducente autorizzato a recarsi nel luogo indicato per ottenere restituzione documenti ritirati e veicolo (Ciò avviene dopo che Organi polizia accertano che “viaggio può essere ripreso nel rispetto delle condizioni prescritte da normativa”.

In caso di indicente con danno a persone o cose, Comando da cui dipende Agente accertatore segnala il fatto ad Autorità competente che dispone verifica presso sede titolare di licenza od autorizzazione al trasporto o iscrizione ad Albo trasportatori “per esame dei dati sui tempi di guida e riposo relativi ad anno in corso”   

Sanzioni:

Chiunque adibisce ad uso proprio veicolo per trasporto di persone senza averne titolo, o violando limiti  e prescrizioni riportate in carta circolazione: multa da 148 a 594 € + sospensione carta di circolazione da 2 a 8 mesi.

Chiunque adibisce ad uso proprio veicolo per trasporto di cose senza averne titolo, o viola limiti e prescrizioni riportate nella licenza: multa da 294 a 1.175 €

Chiunque adibisce a locazione senza conducente veicolo non destinato a tale uso: multa da 370 a 1.485 € se trattasi di autoveicoli e rimorchi (da 36 a 148 € per altri veicoli) + sospensione carta di circolazione da 2 a 8 mesi.

Chiunque adibisce a noleggio con conducente veicolo non destinato a tale uso o, pur munito di autorizzazione, guida autovettura adibita a servizio di noleggio con conducente senza rispettare norme o prescrizioni riportate in autorizzazione: multa da 148 a 594 € (da 370 a 1.485 € in caso di autobus) + sospensione carta di circolazione da 2 a 8 mesi.

Chiunque, pure munito di autorizzazione, guida veicolo di noleggio con conducente o taxi senza rispettare norme o condizioni riportate in autorizzazioni: multa da 73 a 290 EUR + ritiro carta di circolazione + ritiro autorizzazione.

Chiunque senza essere in possesso di licenza adibisce veicolo a servizio di piazza con conducente o taxi: multa da 1.554 a 6.216 € + confisca del veicolo + sospensione patente di guida da 4 a 12 mesi (Revoca patente se in 3 anni rilevate almeno 2 violazioni).

Chiunque utilizza in servizio di linea un veicolo non adibito a tale uso, od impiega veicolo su linee diverse da quelle per cui ha titolo legale: multa da 370 a 1.485 € + carta di circolazione da 2 a 8 mesi.

Chiunque adibisce a trasporto di cose per conto terzi veicoli non adibiti a tale uso, o viola prescrizioni e limiti indicati nella autorizzazione o nella carta di circolazione: multa da 370 a 1.485 €

Chiunque utilizza per trasporto di cose per conto terzi in servizio di piazza veicoli non adibiti a tale uso: multa da 370 a 1.485 €

Chiunque utilizza veicolo per uso diverso da quello indicato in carta di circolazione: multa da 74 a 296 € + sospensione carta di circolazione da 1 a 6 mesi (da 6 a 12 mesi in caso di recidiva).

Chiunque senza autorizzazione utilizza per trasporto di persone veicolo destinato a trasporto di cose: multa da 370 a 1.485 € + sospensione carta di circolazione da 1 a 6 mesi (da 6 a 12 mesi in caso di recidiva). 

Chiunque trasporti prodotti diversi da quelli elencati nella licenza: multa da 74 a 296 €

Chiunque effettua trasporti conto terzi senza licenza: arresto da 1 a 6 mesi o multa da 74 a 296 € + sequestro veicolo

Nel caso di mancanza di documenti di accompagnamento dei trasporti: multa da 74 a 296 €

Proprietario, conducente veicolo e committente trasporto, qualora carico trasportato supera di oltre 5% valori di massa a pieno carico riportati in carta circolazione e detta massa superiore a 10 t., o chiunque circola con autotreno od autoarticolato con massa a pieno carico superiore a 5% di quella indicata in carta di circolazione (Eccedenza anche in uno solo dei veicoli e non nel complesso), o chiunque circola con veicolo eccezionale con massa superiore del 5% di quella indicata in autorizzazione: multa da 36 a 148 € se eccedenza inferiore a 1 t. (o 10% se massa inferiore a 10 t.); da 74 a 296 € se eccedenza inferiore a 2 t. (o 20% se massa inferiore a 10 t.); da 148 a 594 € se eccedenza inferiore a 3 t. (o 30% se massa inferiore a 10 t.); da 370 a 1.485 € se eccedenza superiore a 3 t. (o 30% se massa inferiore a 10 t.) + indennizzo Ente proprietario strada per usura + divieto prosecuzione viaggio fino a quando carico non rientra nel limite del 10% di eccedenza massa riportata su carta circolazione o emessa nuova autorizzazione nel caso trasporti eccezionali. Sanzioni raddoppiate se eccedenza carico riguarda merci pericolose.

Mezzi adibiti al trasporto veicoli possono circolare solo per autostrade o strade con carreggiata di almeno 6,5 m. ed altezza da sottovia di almeno 20 cm.: multa da 148 a 594 €

Chiunque trasporta merci pericolose senza autorizzazione quando prescritta, o non rispetta prescrizioni riportate in autorizzazione: multa da 1.754 a 7.018 € + sospensione carta circolazione e patente guida da 2 a 6 mesi + sequestro veicolo in caso di ripetute violazioni.

Chiunque viola norme relative ad idoneità tecnica dei veicoli o cisterne che trasportano merci pericolose a dispositivi di equipaggiamento e protezione dei veicoli, a corretta sistemazione pannelli di segnalazione ed etichette di pericolo collocate su veicoli, contenitori e colli, a sosta dei veicoli, ad operazioni di carico e scarico e trasporto delle merci: multa da 355 a 1.427 € + sospensione patente e carta di circolazione da 1 a 6 mesi.

Chiunque viola le disposizioni relative a dispositivi di equipaggiamento e protezione dei conducenti od equipaggio, a compilazione e tenuta dei documenti di trasporto o istruzione di sicurezza: multa da 355 a 1.427 €

Chiunque circola con veicolo a traino animale che supera massa complessiva a pieno carico indicata nella targa: multa da 22 a 88 €

Chiunque trasporta numero di persone superiore a quello indicato in carta circolazione: multa da 148 a 594 €. Se violazione commessa adibendo veicolo abusivamente ad uso di terzi: multa da 370 a 1.485 € + sospensione carta circolazione da 1 a 6 mesi. Se violazioni commesse da conducente alla guida di autovettura: multa da 36 a 148 € 

Chiunque viola norme su trasporto animali o su sistemazione carico e relative sporgenze: multa da 74 a 296 € + veicolo non può proseguire viaggio se carico non sistemato, pena ritiro carta circolazione e patente.

Conducente o altri membri di equipaggio che supera durata periodi di guida prescritti: multa da 38 a 152 €. Se violazione supera del 10% limite massimo periodo di guida: multa da 300 a 1.200 € (Se oltre 20%: multa da 400 a 1.600 €) + ritiro temporaneo documenti di guida + obbligo di non proseguire viaggio se non dopo aver rispettato periodo di guida + veicolo condotto in luogo idoneo alla sosta

Conducente o altri membri di equipaggio che supera del 10% del limite massimo di guida: multa da 300 a 1.200 € (Se oltre 20%: multa da 400 a 1.600 €). Se violazione supera del 10% tempo minimo di riposo prescritto: multa da 350 a 1.400 € (Se oltre 20%: multa da 400 a 1.600 €) + ritiro temporaneo documenti di guida + obbligo di non proseguire viaggio se non dopo aver rispettato periodo di riposo + veicolo condotto in luogo idoneo alla sosta

Conducente che non rispetta per oltre 10% limite massimo periodo di guida settimanale: multa da 250 a 1.000 € (Se oltre 20%: multa da 400 a 1.600 €)

Conducente che non rispetta per oltre 10% limite minimo periodo di riposto settimanale: multa da 350 a 1.400 € (Se oltre 20%: multa da 400 a 1.600 €)

Conducenti o altri membri di equipaggio non rispetta interruzioni durante guida: multa da 155 a 620 €

Conducente o altri membri di equipaggio che durante guida non rispetta disposizioni relative alle interruzioni previste da accordo AERT: multa da 250 a 1.000 €

Conducente o altri membri di equipaggio sprovvisto di estratto di registro di servizio, o copia orario di servizio, o chiunque non ha con se o tiene in modo incompleto od alterato tali documenti: multa da 307 a 1.228 €, salvo che fatto non costituisca reato penale + ritiro temporaneo documenti di guida + obbligo di non proseguire viaggio se non dopo aver rispettato periodi di interruzione o riposo + veicolo condotto in luogo idoneo alla sosta

Chiunque circola durante periodo in cui intimato di non proseguire viaggio: multa da 1.769 a 7.078 € + ritiro patente

Analoghe sanzioni applicate in caso di infrazioni a tempi di guida interruzione e riposo commesso in altro Stato CE, ma accertate da Organo di polizia italiana, salvo che contestazione non avvenuta già in altro Stato membro.

Per infrazione a periodo di riposo ed interruzione, impresa da cui dipende lavoratore obbligata in solido a pagare sanzione

Impresa che nell’esecuzione dei trasporti non osserva periodi di interruzione o riposo del conducente o non tiene documenti prescritti o li tiene scaduti, incompleti, alterati: multa da 307 a 1.228 €/dipendente oggetto di violazione. Nel caso di ripetute infrazioni, impresa di trasporto di persone e/o cose, nonostante diffida a regolarizzare posizione non provvede: sospensione del titolo abilitativi od autorizzazione al trasporto riguardante veicolo oggetto di infrazione da 1 a 3 mesi. Se impresa nonostante tale provvedimento continui a commettere infrazioni “anche nell’eventuale esercizio di altri servizi di trasporto”: revoca provvedimento di abilitazione od autorizzazione al trasporto.

Se ripetute violazioni commesse alla guida di veicoli immatricolati in Paesi Terzi: sospensione, decadenza, revoca applicate ad autorizzazione che consente di effettuare trasporti internazionali     

Qualunque veicolo immatricolato all’estero effettui trasporto di cabotaggio su territorio nazionale violando disposizioni Reg. CE 3118/93 o normativa nazionale: multa da 5.000 a 15.000 € + fermo amministrativo del veicolo per 3 mesi (In caso di violazione reiterata in 3 anni: per 6 mesi) da affidare in custodia a soggetti accreditati a spese del trasgressore  

Conducente o titolare impresa che circola con veicolo per trasporti non munito di cronotachigrafo quando previsto, o con strumento non omologato, o non funzionante, o senza inserire foglio di registrazione, o scheda del conducente:  multa da 742 a 2.970 € + sospensione patente da 15 giorni a 3 mesi. Sanzione raddoppiata in caso di manomissione sigilli. Se in 1 anno 3 infrazioni: sospensione licenza per 1 anno per veicolo incriminato. Qualora strumenti si ipotizzano alterati o manomessi, agente riporta su verbale obbligo di regolarizzare strumenti entro 10 giorni da verbale: se ciò non avviene fermo veicolo per 1 mese.

Chiunque circola senza limitatore di velocità o con limitatore di velocità non conforme o non funzionante: multa da 829 a 3.315 € (Sanzione raddoppiata in caso di alterazione limitatore di velocità) + sospensione patente da 15 giorni a 3 mesi. Se limitatore di velocità viene alterato: revoca patente.

Chiunque a seguito violazioni a norme su autotrasporto per cui richiesta patente di guida categoria C o C+E provoca morte di persone o lesioni personali gravi o gravissime: esecuzione verifiche presso vettore, committente, caricatore e proprietario della merce oggetto di trasporto se adottate tutte le misure di sicurezza prescritte da norme di circolazione stradale. 

Agente polizia scorta veicolo fino ad officina autorizzata per installazione o riparazione cronotachigrafo o limitatore velocità con spesa a carico proprietario veicolo.

In caso di danni prodotti a persone o cose dalla circolazione dei veicoli, locatario è responsabile in solido con conducente.